Martedì, 31 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processi "aggiustati" a Catanzaro, il giudice Petrini parla ancora: spunta un nuovo indagato
INCHIESTA "GENESI"

Processi "aggiustati" a Catanzaro, il giudice Petrini parla ancora: spunta un nuovo indagato

di
corruzione, tribunale catanzaro, Marco Petrini, massimo Sepe, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Il giudice Marco Petrini

C'è un nuovo indagato nell'inchiesta “Genesi” condotta dalla Procura di Salerno e che ha già portato all'arresto del presidente di sezione della Corte d'Appello di Catanzaro e presidente della Commissione tributaria Marco Petrini.

Ieri mattina i militari del Nucleo di polizia economico-finanziario della Guardia di Finanza di Crotone, guidati dal colonnello Emilio Fiora, hanno notificato un avviso di garanzia, con contestuale perquisizione dell'abitazione e dell'ufficio, a Massimo Sepe cancelliere della Commissione tributaria, difeso dall'avvocato Tiziano Saporito del foro di Crotone. L'accusa è di corruzione in atti giudiziari.

Sul cancelliere pesano le dichiarazioni rilasciate dal giudice Petrini che alcuni giorni dopo l'arresto ha deciso di collaborare con i magistrati di Salerno. Dopo i primi due interrogatori del 31 gennaio e del 5 febbraio, solo pochi giorni fa Petrini sarebbe stato nuovamente sentito dagli inquirenti.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook