Lunedì, 11 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
VERSO IL VOTO

Lo spettro della scissione nel Pd per le regionali in Calabria, Magorno: siamo contro Oliverio

di
policita calabria, politica, primarie, ERNESTO MAGORNO, Gianluca Cuda, Mario Oliverio, Nicola Zingaretti, Calabria, Politica
Oliverio e Magorno

Lo spettro della scissione torna ad aleggiare sul Pd calabrese. I renziani ortodossi, ridimensionati dall'elezione alla segreteria di Nicola Zingaretti, lavorano già ad un piano “b” sui territori. Tradotto: l'uscita dal partito e la costruzione di un nuovo soggetto non sono più catalogabili alla voce “fantapolitica”.

È un messaggio di Ernesto Magorno, su una chat riservata di Whatsapp, a dare corpo alle suggestioni: «Io, come molti altri, non ci stiamo. Lotti, riporta la Gazzetta del Sud-edizione Calabria in edicola, e molti di noi non siamo entrati in direzione. Per quanto mi riguarda mi sento di avere le mani libere».

È questo l'inizio di una nuova avventura politica? Magorno, non solo conferma, ma addirittura si spinge oltre: «Per le Regionali, non sosterrò la candidatura di Oliverio e se si candiderà promuoverò un'altra coalizione».

Da qui l'impegno - confermato dall'ex segretario del Pd calabrese - profuso in queste ultime settimane per la costruzione di una lista alternativa: “Un'altra strada per la Calabria” (ogni riferimento al titolo dell'ultimo libro di Renzi non è casuale), il cui simbolo sarebbe già stato testato da alcuni sondaggisti.

“L’idea di voler mettere fuori dal Partito Democratico il Senatore Ernesto Magorno è assolutamente contraria allo spirito che dovrebbe animare la vita della nostra comunità.” Così il segretario della federazione provinciale Pd di Catanzaro, Gianluca Cuda, che continua: “Le parole di Magorno aprono una discussione che non può che fare bene al Pd chiamato, nei prossimi mesi, a sfide importanti, da non fallire. Nei prossimi giorni ognuno liberamente esprimera’ la propria opinione sul progetto che il pd calabrese dovrà mettere in campo per le prossime elezioni regionali. La speranza-conclude Cuda- è che non si arrivi a criminalizzare chi ha un’idea diversa, perché la pluralità di opinioni è essenziale per tutti.”

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook