Giovedì, 24 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, "diritto di tornare a casa": raccolta di firme dalla Calabria
LA PETIZIONE

Coronavirus, "diritto di tornare a casa": raccolta di firme dalla Calabria

"Sono ancora tanti i giovani meridionali rimasti bloccati al centro nord a causa dei lockdown che si sono susseguiti per l'emergenza sanitaria tesa al contenimento del contagio del Covid-19". È il testo della raccolta di firme indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alla presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, lanciata da Antonio Iaconianni, dirigente del Liceo classico Telesio di Cosenza e genitore di ragazzi fuori sede.

"Con la presente petizione - si legge le documento - chiediamo che vengano disposte misure urgenti ed indifferibili per consentire il rientro immediato a casa di tutti gli studenti e di tutti i lavoratori, gli uni rimasti con le Università chiuse e gli altri rimasti senza lavoro, realizzando dei corridoi di sicurezza, con tutte le misure che le attuali norme prevedono, a salvaguardia della tutela di tutti".

E ancora: "La richiesta - è detto nel testo - ha carattere di urgenza ed indifferibilità in quanto la tenuta psicologia di questi ragazzi inizia a dare segnali di preoccupazione anche a causa di vere emergenze economiche". Allo stato sono quasi duemila le firme già raccolte ma l'obiettivo è quello di metterne assieme almeno 2.500. Tante le storie che emergono dalle testimonianze dei firmatari, genitori di ragazzi costretti, a causa dell'emergenza coronavirus, a rimanere lontani dalle loro famiglie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook