Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL BLITZ

Valle d’Aosta rifugio dei picciotti della 'ndrangheta

di

Cime innevate, amene valli e città incastonate tra i boschi delle Alpi che guardano alla Francia. Il luogo ideale per scampare alla furia delle faide e alla caccia senza tregua condotta dagli “sbirri” calabresi.

Come si legge sulla Gazzetta del Sud in edicola, la Valle di Aosta è stata per un trentennio il rifugio dei picciotti di mamma ’ndrangheta. È ad Issogne, per esempio, che nel luglio del 1990 viene assassinato Giuseppe Mirabelli, 'ndranghetista coinvolto nella cosiddetta faida di Pagliarelle, scoppiata vent’anni prima nella lontana Petilia Policastro. Uno scontro senza esclusione di colpi tra la sua famiglia e quella dei Garofalo.

Ed è stata proprio Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia uccisa il 24 novembre del 2009 a Milano dal marito Carlo Cosco e dai suoi sgherri, ad aver parlato con la magistratura antimafia di quel quasi dimenticato fatto di sangue.

A Lea, divenuta poi icona del coraggio delle donne contro la mafia, nel 1975 era stato assassinato il padre, Antonio, nell'ambito di quella feroce faida. È lei, perciò, al momento del pentimento ad indicarne il nome dell'organizzatore.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola

'Ndrangheta in Val d'Aosta, l'operazione con 17 arresti: ecco i nomi e le foto

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook