Venerdì, 22 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE REVENTINUM

Blitz di 'ndrangheta sulla Sila, dietro gli arresti i retroscena del sequestro di un avvocato di Lamezia

arresti ndrangheta catanzaro, ndrangheta sila, operazione Reventinum, Domenico Mezzatesta, Francesco Iannazzo, francesco pagliuso, Giovanni Mezzatesta, Giovanni Vescio, Marco Gallo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
L'avvocato Francesco Pagliuso

Alcuni fermati nell'operazione "Reventinum" coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dai carabinieri del Comando provinciale sono accusati anche di violenza privata e sequestro di persona dell'avvocato Francesco Pagliuso, ucciso in un agguato il 9 agosto 2016 a Lamezia Terme.

Il sequestro sarebbe avvenuto 2 anni prima. Per il delitto, nel 2018, è stato arrestato Marco Gallo, insospettabile 33enne lametino titolare di una società di consulenze che, per l'accusa, sarebbe un sicario a pagamento.

Per gli inquirenti, Pagliuso sarebbe stato ucciso da Gallo per una vendetta trasversale ed in particolare per la sua vicinanza a Domenico Mezzatesta, l'ex vigile urbano responsabile, insieme al figlio Giovanni, del duplice omicidio, avvenuto nel 2013 in un bar di Decollatura, di Giovanni Vescio e Francesco Iannazzo, ritenuti vicini alla famiglia Scalise.

Da qui si sarebbe innescata una spirale di sangue. I fermi hanno riguardato appartenenti alle famiglie Scalise e Mezzatesta. I particolari saranno illustrati in una conferenza stampa alle 11 alla Dda di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook