Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

La scomparsa di Maria Chindamo a Limbadi, scatta un arresto - Video

Sono tre in totale gli indagati per concorso nell’omicidio di Maria Chindamo, la commercialista ed imprenditrice di Laureana di Borrello rapita e fatta sparire il 6 maggio 2016 dinanzi al cancello della sua tenuta agricola di Limbadi, nel Vibonese.

Con l’accusa di aver manomesso l’impianto di videosorveglianza,impedendo ogni registrazione, della villetta di Salvatore Ascone, 53 anni, di Limbadi, detto «U Pinnularu», arrestato stamane, al fine di aiutare gli autori materiali del rapimento e della scomparsa della donna sono indagati il romeno Gheorge Laurtentiu Nicolae, di 30 anni, ed uno stretto congiunto di Salvatore Ascone, all’epoca dei fatti minorenne. Per tutti l’accusa è di concorso in omicidio.

Restano, invece, da individuare gli autori materiali del rapimento e dell’occultamento del cadavere, così come il movente del delitto. Il corpo di Maria Chindamo, nonostante le ricerche non si siano mai fermate, non è stato ancora ritrovato.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook