Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Santelli e la paura Coronavirus in Calabria: "No all'esodo, la nostra sanità non può reggere"
REGIONE

Santelli e la paura Coronavirus in Calabria: "No all'esodo, la nostra sanità non può reggere"

L'esodo incontrollato "porterà all'aumento esponenziale del contagio anche da noi. È evidente che una sanità come quella calabrese, vessata da anni da tagli selvaggi, non è in grado di reggere una situazione di totale emergenza".

Lo dice in un'intervista alla Stampa Jole Santelli, governatrice della Calabria, che lancia un appello per chiedere a chi vive o lavora al Nord di non rientrare, annunciando la quarantena obbligatoria per chi torna. "Dobbiamo considerare che già il primo decreto sulla zona rossa aveva determinato l'arrivo in Calabria di molte persone provenienti da lì. E in effetti le persone sottoposte a tampone con risultati positivi avevano tutti collegamenti con quelle zone - spiega - Il decreto di sabato, che non ha previsto contromisure per le regioni del Sud, ha dato il via a un esodo di massa. Il timore di una diffusione massiva del contagio anche nelle nostre regioni è una possibilità realistica".

Ora per la governatrice vanno controllati treni e pullman di lunga percorrenza, serve che il governo impegni prefetti e forze dell'ordine nei controlli e "occorrono sanzioni per chi non rispetta le prescrizioni. Ci sono materie che attengono alla potestà dello Stato che deve esercitarla".

La sanità calabrese è sottoposta "da anni a piano di rientro, a commissariamento ed infine c'è stato il decreto Calabria e il risultato è che "abbiamo una sanità che già boccheggia per offrire un servizio sufficiente. Fronteggiare un'emergenza che ha portato al collasso una sanità modello come quella lombarda fa venire decisamente i brividi. Abbiamo predisposto il piano di emergenza, ma siamo consapevoli dei nostri limiti".

C'è la necessità "di ulteriori 50 posti letto in Terapia intensiva e 140 posti tra Malattie infettive e Pneumologia" e "c'è bisogno di attrezzature e di personale medico e paramedico". Per questo "abbiamo fatto le nostre richieste al Ministero, che ha varato un decreto apposito in materia di personale sanitario. È una lotta contro il tempo, ma se ciascuno svolgerà il proprio compito istituzionale, ce la possiamo fare".

"Dopo aver affrontato l’emergenza Coronavirus nella nostra regione dal punto di vista sanitario, offrendo linee guida e soluzioni organizzative alle strutture che in prima linea fronteggiano contemporaneamente il quotidiano e lo straordinario, sarà attivata una task force per affrontare tempestivamente anche le ricadute negative del virus sulla nostra economia", scrive Santelli in una nota.

"La task force sarà istituita con decreto presidenziale e coinvolgerà, oltre che tutte le rappresentanze del mondo del lavoro e dell’impresa - aggiunge - , anche i direttori generali dei dipartimenti regionali interessati al fine di elaborare, ove possibile, interventi diretti utilizzando le risorse comunitarie e nazionali disponibili".

"Vogliamo che questo tavolo diventi sede di un confronto permanente per lo studio e la ricerca di soluzioni condivise, a sostegno dei comparti che vi partecipano e che stanno subendo le conseguenze di questo periodo di crisi. Siamo convinti, infatti, che solo un confronto serrato potrà permetterci di individuare in modo chiaro le principali sfide da affrontare. Non solo: la task force ci presenterà forti, coesi e con richieste mirate al tavolo nazionale, rispetto alle misure anti-crisi annunciate nei giorni scorsi", conclude il presidente della Regione Calabria.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook