Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LE REAZIONI

Oliverio indagato per peculato, il M5S a Zingaretti: "Scandaloso, quando lo cacci?"

regione calabria, sequestro, Franco Corbelli, Laura Ferrara, Mario Oliverio, Nicola Zingaretti, Calabria, Politica
Il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio

«La collezione di problemi con la giustizia del governatore calabrese del Pd Mario Oliverio si arricchisce di un nuovo capitolo: il sequestro preventivo ai fini della confisca per 95.475 euro. Come se non bastassero la richiesta di rinvio a giudizio per corruzione l’iscrizione nel registro degli indagati per abuso d’ufficio, adesso il presidente della Calabria è accusato di peculato». Così il MoVimento 5 Stelle sul Blog delle Stelle sull'inchiesta che ha travolto il governatore calabrese.

«Come nel peggiore dei costumi della ‘malapolitica’, Oliverio - stando agli inquirenti - avrebbe utilizzato fondi pubblici, invece che per promuovere il turismo in Calabria, per fini di ‘propaganda’ politica in occasione di un talk show a Spoleto. Soldi di tutti i cittadini, scandalosamente impiegati per pagare alberghi e cene di gala degli invitati all’evento giornalistico, tra cui anche lo stesso governatore calabrese. La domanda che facciamo a Zingaretti è semplice, ma cruciale per il futuro di una regione martoriata come la Calabria: cosa aspetta a cacciare Oliverio dal partito? Che il suo curriculum si ‘arricchisca’ di qualche altra indagine?», si legge ancora.

Alla notizia dell'indagine immediata anche la reazione dell'eurodeputata 5 stelle, Laura Ferrara: «Le indagini faranno il loro corso ma non si può rimanere in silenzio di fronte a queste nuove e pesanti accuse anche perché si tratta di denaro pubblico, risorse destinate a far conoscere meglio il nostro territorio e non chi (mal) lo governa».

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, ha, invece, invitato Oliverio, anche «se comprensibilmente avvilito, per quanto gli sta succedendo, a non mollare per il bene e nell’interesse esclusivo della Calabria che degnamente rappresenta e difende. Quello che sta avvenendo in Calabria è qualcosa di gravissimo! È giunto il momento che intervenga il presidente della Repubblica, quale presidente del Csm, a tutela delle regole fondamentali di un Paese civile e di uno Stato di Diritto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook