Lunedì, 21 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
IL COMMISSARIO

Sanità in Calabria, l'allarme di Cotticelli: "A rischio risorse per 153 milioni"

sanità calabria, Saverio Cotticelli, Calabria, Politica
Saverio Cotticelli

Esiste il rischio concreto che possa essere vanificata un'anticipazione di liquidità di 153 milioni, richiesta dall'ufficio del commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario della Regione Calabria e dal dipartimento tutela della Salute alla cassa depositi e prestiti, destinata a pagare i fornitori delle Aziende sanitarie ed ospedaliere e ad alleviare le sofferenze di un settore nevralgico per l'ente.

C'è allarme ma anche determinazione al terzo piano della Cittadella regionale a Catanzaro, sede della struttura affidata da qualche mese al commissario Saverio Cotticelli - secondo il quale «non è possibile e non deve essere possibile aggredire somme faticosamente ottenute» - e al sub commissario Tomas Schael, dinanzi alla possibilità che la somma, ottenuta grazie agli sforzi congiunti, possa bypassare la destinazione originaria per essere bloccata dalla Bnl Paribas, che gestisce il servizio di tesoreria di diverse Aziende del Servizio sanitario regionale, che ne ha comunicato il possibile pignoramento.

Un danno oltre che una beffa per una Regione che è fanalino di coda nei pagamenti della pubblica amministrazione e, in particolare, nella sanità. Cosa è accaduto? Il colosso bancario franco italiano ha comunicato che «in mancanza di documentazione comprovante l'estinzione tipica o atipica dei procedimenti esecutivi 'in essere', è dunque tenuta a bloccare tali somme in favore dei pignoramenti» per cui «si procede a valere sulle citate risorse in mancanza di ulteriori giacenze attive libere da vincolo».

Praticamente, somme straordinariamente concesse alla Regione per pagare debiti della sanità verrebbero bloccate dal tesoriere Bnl a causa degli innumerevoli pignoramenti mossi nei confronti delle Aziende sanitarie. Se i fondi ottenuti utilizzando le opportunità offerte dalle anticipazioni di liquidità ai sensi della legge finanziaria 145/2018, non dovessero essere sbloccati, tenuto conto che esiste il vincolo delle somme, il Sistema sanitario calabrese pagherebbe un interesse dello 0,6% annuo a Cassa depositi e prestiti ed eviterebbe di pagare innanzitutto gli interessi di mora ai creditori che tuttora si attestano all'8%, gli interessi passivi alle banche che si aggirano intorno al 5% e, in caso di ulteriore contenzioso, bisogna contemplare anche le spese legali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook