Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ospedali calabresi sotto pressione, boom di ricoveri: a Cosenza solo due posti in corsia
L'ALLARME

Ospedali calabresi sotto pressione, boom di ricoveri: a Cosenza solo due posti in corsia

di
Calabria, Cronaca
Blitz del Nas all'ospedale di Cosenza

In Calabria il Coronavirus avanza negli ospedali della regione. Nell’ultima settimana (18-24 ottobre) sono stati registrati 39 nuovi ricoveri in corsia (dai 61 del 18 ottobre ai 100 di ieri) e 5 in terapia intensiva (si è passati da 5 a 10). Una crescita esponenziale che sta provocando l’inevitabile sovraccarico nei reparti.

A Cosenza, ad esempio, restano due posti liberi in reparto, altrove la situazione è meno grave ma le previsioni non sono incoraggianti. Il rischio di intasare le corsie è concreto.

A Catanzaro, il bilancio degli ultimi sette giorni è di 5 nuovi ricoverati in Malattie infettive e due in terapia intensiva. Incrementi differenti all’Annunziata di Cosenza e a Reggio Calabria dove in sette giorni si sono avuti rispettivamente 15 pazienti in più nelle Malattie infettive di Cosenza e addirittura 18 in più in riva allo Stretto.

Ritmo di crescita più basso, fortunatamente, nelle terapie intensive con 2 pazienti nuovi a Cosenza e uno solo a Reggio.

I luoghi di cura calabresi dovranno ampliare i posti letto per pazienti covid nella misura del 20% di quanto previsto dal decreto del commissario ad acta n.91 del 2020, operazione rimasta solo sulla carte ma che, adesso, dovrà essere perfezionata entro 10 giorni, secondo quanto previsto dall’ordinanza regionale di venerdì scorso.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook