Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL REPORTAGE

Lamezia, il traffico umano delle baby squillo passa dalla locomotiva di Sant'Eufemia

di

Ci sono spazi urbani in cui ogni giorno, sotto gli occhi di tutti e in orario diurno, si registrano prestazioni sessuali. Dietro il lavoro più antico del mondo, però, c’è di più: una rete criminale gerarchicamente organizzata. Uno di questi luoghi è il parcheggio della stazione ferroviaria a Sant’Eufemia Lamezia, dove la locomotiva in mostra diventa scenario di drammi nascosti e mai raccontati. Perché la reazione comune da parte dei cittadini è sempre la stessa.

Si colpevolizza la prostituta e si tollera il cliente. Grazie al lavoro svolto dall'unità di strada - ricostruisce il reportage pubblicato oggi dalla Gazzetta del Sud in edicola -, all'interno del progetto “Incipit” di cui la Regione Calabria è capofila insieme ad altri enti composti da esperti, dal 2014 è possibile avere una mappatura precisa: nel 2017 sappiamo che l'unità di strada copre un percorso di circa 50 chilometri lungo la Statale 18 partendo da Lamezia, passando da Campora San Giovanni e Pizzo, nonché nell'entroterra verso Catanzaro per altri 10/15 chilometri da località Palazzo, Due Mari/Centro commerciale, Stadio Carlei fino a Marcellinara.

Sono 9 le donne romene, bulgare, nigeriane lungo la locomotiva di Sant'Eufemia; 9 bulgare e nigeriane a località Palazzo; 9 bulgare e nigeriane ad Acconia; 6 nigeriane e romene nei pressi dello stadio Carlei, 7 fra bulgare e nigeriane a Marcellinara.

Abbiamo incontrato Lorena Leone, referente del progetto per la cooperativa sociale “Il Delta” e Luisa Serratore, referente per lo sportello drop-in di “Mago Merlino”, con le quali ha inizio la prima tappa del racconto sulle «vittime di tratta», ovvero le donne che partono dal proprio paese d’origine, sfuggendo da violenze e schiavitù, fame e politica repressiva, per raggiungere l’Europa, l’Italia, e anche Lamezia in cerca di felicità: donne a cui sono negati i diritti umani, a cui è violata la dignità, costrette a estinguere un debito infinito (i soldi del viaggio) e per questo vendute e rivendute come merce di scarto.

«Solo quando toccano davvero il fondo, quando non ce la fanno più si ribellano – dice Luisa Serratore – altrimenti non è facile registrare un’emersione vera e propria sulla strada». Il più delle volte, oltre a gruppetti di due o tre donne nel parcheggio di Sant’Eufemia, c’è in lontananza un uomo anziano con sguardo sospetto.

Non è facile uscirne per vari motivi, e questo potrebbe ritornare utile a svestire la società da morali. Sono donne assoggettate al giuramento del rito “juju”; sono controllate dalle maman, donne a cui è capitata la stessa sorte e che entrano nel giro del traffico umano, infine vengono massacrate di botte.

«Giura che ti impegnerai a non tradire mai la maman e restituirai il debito lavorando (cioè la prostituzione), pena la tua morte o quella dei tuoi familiari, oppure diventerai pazza. A volte il rito viene fatto proprio in Italia e non nel paese d’origine», racconta Lorena Leone a proposito del rito. Ma oltre a questo le vittime sono costrette a pagare 200 euro per mantenersi quel pezzetto di strada o una stanza.

«La scelta, sempre più in aumento, ricade sulle minorenni, 15, 16 anni – aggiunge Luisa Serratore – le predilette dai clienti, e chiaramente anche le più protette. Ogni volta che si esce si contattano circa 20 persone, l’attività è quella della prevenzione del danno, si fornisce un caffè, un condom, si fanno due chiacchiere, da lì si crea un rapporto di fiducia e di successivi colloqui».

Dallo scorso aprile è attivo, con buoni risultati, lo sportello drop-in a seguito del quale «si sono avvicinate 7 ragazze di cui 2 in maniera intermittente, tre in maniera costante, con delle prese in carico vere e proprie su S. Eufemia. Di una c’è stata la scelta di fuoriuscire dalla strada, mentre con un’altra si sta instaurando una relazione di fiducia».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook