Sabato, 21 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
MINACCE E PRESSIONI

Le mani della cosca Alì sul cimitero di Locri: "Qui lavoriamo solo noi"

di

Emergono nuovi e approfonditi dettagli sulla vicenda del cimitero di Locri e sull'interesse che, secondo gli investigatori, avrebbe avuto la famiglia Alì per come riportato nell'ordinanza dell'operazione “Riscatto 2”.

Cimitero e funerali erano "cosa loro": gli affari della cosca Cordì a Locri - Nomi e foto

Nell'aprile del 2018 uno dei componenti della famiglia Alì si sarebbe rivolto a un imprenditore che stava effettuando dei lavori di muratura su alcune tombe per conto di privati cittadini, intimandogli di non permettersi più di lavorare in quel posto e di sottrargli clienti. E gli avrebbe detto: "Non ti devi permettere di fare tombe a clienti miei, il cimitero è casa mia e non casa tua. E diglielo a questi altri quattro mastri di merda".

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook