Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
INCHIESTA MERLINO

Appalti truccati al Comune di Fuscaldo, proroga delle indagini

di
appalti truccati, comune di fuscaldo, inchiesta merlino, Andrea Filella, Filomena Trotta, Franco Leta, Gianfranco Ramundo, Maria Concetta Carnevale, Paolo Cavaliere, paolo fuscaldo, Cosenza, Calabria, Cronaca
Il Comune di Fuscaldo

Tentativi di truffa per incamerare finanziamenti privati e ipotesi di corruzione privata che coinvolgono pubblici amministratori. Si sarebbe cercato di frodare consorzi, mentre enti di composizione pubblico-privato, utilizzati come bacinelle per scambi di favori.

Nel complesso quadro indiziario di Merlino emergono nuove accuse che coinvolgono le dieci persone per le quali è stata prorogata l’indagine e che si aggiungono alle 14 per le quali sono stati richieste dal Gip del Tribunale di Paola le ordinanze cautelari.

Non sarà un Natale “magico” a Fuscaldo. L’indagine Merlino non è affatto chiusa. E le integrazioni disposte dalla Guardia di Finanza puntano in sede di Cassazione non solo a smontare alcune contraddizioni del Tribunale del Riesame ma anche a rafforzare il quadro accusatorio. A iniziare dal sindaco, per il quale l’ordinanza è stata annullata, ma al quale viene tuttavia confermato e contestato il falso ideologico a riguardo del depuratore. In effetti si rileva come «ai fini della contestazione del dolo del reato il collegio ritiene che è sufficiente che Ramundo abbia avuto la consapevolezza che il presupposto richiamato nelle ordinanze da lui emerse (ovvero la predisposizione della documentazione per la gara pubblica) non fosse vero, senza che a tal fine si riveli necessaria la dimostrazione che intendesse favorire indebitamente la Impec già affidataria del servizio».

Ramundo nelle intercettazioni era pienamente consapevole «della idoneità dello strumento dell’ordinanza». In effetti il riesame è dell’avviso che Ramundo non poteva non sapere che la gara continuava a non farsi.

Il ricorso per Cassazione della Procura di Paola ci sarà anche per il vicesindaco Paolo Cavaliere e l’assessore Paolo Fuscaldo. E naturalmente per Michele Fernandez.

Sull’ala politica consiliare ed extra consiliare le richieste di dimissioni al sindaco si sono sprecate. E le contestazioni verso l’esecutivo sono ordine del giorno. L’ex assessore Innocenzo Scarlato parla di un altro bel regalo di Merlino ai cittadini di Fuscaldo a riguardo di un deposito di mezzi per la raccolta dei rifiuti solido urbani che insiste a pochi metri dal torrente Maddalena.

L’opposizione consiliare composta da Andrea Filella, Maria Concetta Carnevale, Filomena Trotta e Franco Leta fa presente come le incognite giudiziarie su parte dell’esecutivo gravino e si ripercuotano causando «impotenza amministrativa». L’opposizione giudica grave che «alcuni giovani diversamente abili non trovino assistenza nelle scuole. È incivile un paese che abbandona le minoranze, i poveri, gli emarginato. A noi non incuriosisce trovare colpe ma è necessario che l’amministrazione si faccia carico di questi cittadini».

Un paese diventato una polveriera, non solo giudiziaria, ma anche politica che rischia di esplodere da un momento all’altro.

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook