Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia L'estate 2021 nella Costa degli Dei. Occhio al presente, ma con lo sguardo proiettato al futuro VIDEO

L'estate 2021 nella Costa degli Dei. Occhio al presente, ma con lo sguardo proiettato al futuro VIDEO

L'estate entra sempre più nel vivo e noi abbiamo fatto il punto insieme a chi opera nell'industria del turismo calabrese che guarda al presente, ma che vuole porre strategie mirate per il futuro

L'estate 2021 sta entrando sempre più nel vivo. Un'estate ancora una volta particolare in cui il turismo calabrese dovrà fare a meno dei vacanzieri stranieri (almeno a luglio ed agosto). La speranza è poter recuperare con de-stagionalizzazione con i tanti tedeschi, russi, inglesi (e via discorrendo) che potrebbero ritornare in Italia ed in Calabria nei mesi di settembre ed ottobre.

C'è da attutire il colpo insomma. E provare per il secondo anno consecutivo a sopperire alle mancanze di un turismo sempre più concentrato e compresso nell'arco di 15-20 giorni. Sarà un'estate tutta da vivere nella Costa degli Dei dove Tropea la farà come sempre da padrone con il suo mare splendido, ma anche con il suo borgo eletto come Borgo più bello d'Italia 2021. E pur tuttavia, oltre alla fase contingente, la mentalità dell'imprenditore è proiettata al futuro, all'idea di turismo che la Calabria potrà e saprà offrire da qui a dieci anni con l'obiettivo di colmare quei gap legati a deficit strutturali che ancora caratterizzano la sub-cultura di un territorio che ha sì compiuto dei passi importanti in avanti, ma che necessità di compiere ancora un salto di qualità ormai ineludibile se si vuole competere con le altre grandi mete turistiche italiane ed internazionali.

Ne parliamo con Luca Giuliano, CEO di Mediterranean Hospitality, Massimo Vasinton, presidente ASALT (Associazione Albergatori Tropea) e con Romania Zangone (presidente AssCom Tropea).

L'industria del turismo e lo sguardo rivolto al 2030

Luca Giuliano: "Dobbiamo fare un passo in avanti e guardare alla Calabria dei prossimi dieci anni. L'idea che cerco di veicolare è quella di decidere che cosa vogliamo diventare da grandi. Oggi abbiamo dei deficit in termini di organizzazione del nostro prodotto turistico. Una delle prime mosse del nuovo governo regionale sarà quella di puntare sull'industria del turismo. Non basta parlare di settore, ed occorre un'infrastruttura che gestisca questa industria. Occorre determinare una strategia di crescita che coinvolga albergatori ed operatori di ogni sorta. Ancora non è chiaro quale sia l'impegno e la metodologia di realizzazione di quanto programmato. In questo anche noi imprenditori dobbiamo essere più bravi e dobbiamo costruire un programma che ci permetta di raggiungere l'obiettivo. Spero che la prossima giunta regionale possa confrontarsi nel merito per costruire insieme il progetto Calabria 2030.

I numeri dell'estate 2021: stagione partita lentamente

Massimo Vasinton: "Pensavamo potesse essere la stagione della ripartenza, ma non è così. I flussi sono interessanti, ma non come ci aspettavamo. Le richieste ci sono, arrivano dagli italiani, ma ci manca il mercato straniero. Dobbiamo puntare sul capitale umano e sulle risorse umane e ognuno di noi fare mea culpa e capire perchè non siamo appetibili a livello nazionale nell'attrarre capitale umano professionale e competente. E' un confronto serio che dobbiamo aprire con tutti perchè dobbiamo guardare, e su questo condivido molto l'impostazione di Luca Giuliano, al futuro puntando su strategie di lungo respiro. Solo così potremo puntare ad investimenti importanti".

L'estate 2021 a Tropea. Il commercio riparte (seppur a fatica)

Romania Zangone: "Stiamo ripartendo, con il mese di luglio il nostro borgo si sta animando, ma è chiaro che i mesi precedenti sono stati molto difficili. Siamo pronti a vivere un'estate importante che sicuramente ci consentirà di lavorare ad alti livelli. Bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie stanno ripartendo con entusiasmo, mentre il settore del commercio legato ai negozi ed alle botteghe artigiane ha sofferto molto. In ogni caso siamo pronti, guardiamo con positività al presente ed al futuro e abbiamo messo in moto una macchina che comunque deve andare avanti. Siamo pronti con tante iniziative e ora anche con un evento consolidato come il Tropea Cipolla Party: una kermesse in forma ridotta, ma che comunque ci consente di celebrare il nostro prodotto per eccellenza, ma anche i prodotti del territorio. Ogni locale potrà proporre un menù Tropea Cipolla Party con un menù tutto improntato sulla nostra terra. Sarà uno spettacolo favoloso".

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook