Martedì, 01 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Coronavirus, al Policlinico di Catanzaro l'ultimo paziente lascia la terapia intensiva

Coronavirus, al Policlinico di Catanzaro l'ultimo paziente lascia la terapia intensiva

È stata vinta con successo la prima battaglia contro il coronavirus dalla Terapia Intensiva del policlinico di Germaneto guidata dal professor Federico Longhini. Oggi l’ultimo paziente è stato dimesso in buone condizioni ed è stato trasferito in reparto.

Un bilancio positivo dunque, con una percentuale di sopravvivenza elevata ed in linea con i principali centri Italiani. Si tratta di un paziente di 60 anni, un operatore sanitario, che per via del Covid-19 si è trovato improvvisamente a dover interpretare la parte del paziente.

«È l’ultimo giorno dopo tre mesi di ricovero - ha detto il 60enne - e voglio ringraziare il Policlinico per la grande professionalità e umanità. Per me è stata una fase molto drammatica, mando un grande abbraccio a tutto il personale, medico e non solo, di questa struttura».

Una degenza lunga la sua, molto complessa e complicata, legata alle sue condizioni di base ed alla età. Un decorso ulteriormente complicato dalla perforazione improvvisa della colecisti che ha richiesto un intervento chirurgico di urgenza, di colecistectomia, il primo ad essere eseguito su un paziente Covid- 19.

La colecisti attualmente è in fase di studio per valutarne la correlazione con il virus. Si chiude oggi dunque, almeno per il momento, l’esperienza della terapia intensiva del policlinico nella battaglia al Covid-19, con un bilancio positivo che conta il 70% della sopravvivenza e lascia ben sperare.

Soddisfatto tutto il personale sanitario afferente all’UOC di Terapia Intensiva del policlinico universitario di Catanzaro che è stato impegnato per tre mesi nella lotta al Covid-19 rinunciando ai propri affetti e che quindi a breve potrà riabbracciare le proprie famiglie.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook