Venerdì, 30 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Foto Politica Collegi e listini, sono ore di tensioni in Calabria

Collegi e listini, sono ore di tensioni in Calabria

di

A destra, in queste ore, il grosso della battaglia si gioca sulla spartizione dei collegi. Il lavoro degli sherpa a Roma va avanti senza soluzione di continuità. Obiettivo: trovare la quadra nelle singole regioni sulle caselle da assegnare ai singoli partiti. E se l’accordo sui numeri c’è - 42 collegi a Forza Italia, 70 alla Lega, 11-12 ai cespugli e tutti i rimanenti a Fratelli d’Italia -, manca ancora quello sui singoli territori. In Calabria, per esempio, su 7 collegi uninominali (5 alla Camera e 2 al Senato), si parte da una base di 2 collegi certi a testa per FI e FdI e uno alla Lega. I restanti due saranno assegnati sulla scorta di un ragionamento più complesso, che terrà conto di equilibri non solo numerici, ma soprattutto politici.
Senza una fumata bianca su tale versante, è difficile ragionare sul resto. E tuttavia, qualche certezza affiora. In FI sono già certi di una ricandidatura gli uscenti Giuseppe Mangialavori e Francesco Cannizzaro, ottime chance di un piazzamento blindato vengono assegnate anche all’ex sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto. Stesso discorso vale in FdI, dove l’uscente Wanda Ferro e l’assessore regionale Fausto Orsomarso vanno annoverati tra i fedelissimi di Giorgia Meloni e, dunque, certi di una candidatura tra Camera e Senato. Nella Lega è certa la ricandidatura del deputato Domenico Furgiuele, in lizza per un posto al sole (al netto della scelta di Matteo Salvini di candidarsi o meno in Calabria) ci sono il senatore Fausto De Angelis, l’assessore regionale Tilde Minasi e la capogruppo in Consiglio, Simona Loizzo. Quanto ai moderati del centrodestra, circola la suggestione di un ritorno in campo dell’ex presidente del Consiglio regionale, Mimmo Tallini, possibile la discesa in campo di Antonello Talerico, già candidato a sindaco di Catanzaro.

Centrosinistra

Qui, complici sondaggi poco favorevoli per le sfide dell’uninominale e lo strappo dei centristi di Calenda , il grosso della battaglia è sull’inserimento nelle prime posizioni dei listini bloccati del plurinominali. Nel Pd il “carro” degli aspiranti è decisamente affollato rispetto a posti utili per l’elezione. Oltre agli uscenti Enza Bruno Bossio ed Antonio Viscomi, ci sono il consigliere e segretario regionale del partito, Nicola Irto, altri eletti a Palazzo Campanella come Ernesto Alecci e Mimmo Bevacqua (tutti avrebbero bisogno di una deroga del Nazareno per candidarsi), la vicesindaca di Catanzaro, Giusi Iemma. Senza contare poi qualche “paracadutato” in arrivo da Roma, così come accaduto nel recente passato. Tanto basta per rendere elettrico il clima in casa dem dove si affilano le armi in vista della direzione nazionale in programma a breve.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook