Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Foto Politica Elezioni, Letta a Cosenza: “La destra ha toppato. La Lega? Non segue Salvini” FOTO

Elezioni, Letta a Cosenza: “La destra ha toppato. La Lega? Non segue Salvini” FOTO

«La destra sta sbagliando tutto a livello nazionale con Salvini e Meloni. Salvini insegue la Meloni, si mette all’opposizione di fatto, il governo non lo segue e fa bene a non seguirlo con le scelte giuste che sta facendo sul green pass, che noi sosteniamo con determinazione. La Lega stessa non segue Salvini e credo che questo sia utile e importante per tutti noi. Il nostro lavoro di costruzione alternativa alle destre è l’unico che può dare un risultato vero». Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta a margine di un incontro elettorale a Cosenza.

"La svolta con la Bruni e Franz Caruso"

«Sono convinto che la Calabria sia vicina alla svolta e lo è con Amalia Bruni, che con la sua competenza e la sua storia è la migliore presidente che può far finire il commissariamento della sanità. Sono qui per garantire che, con Amalia Bruni, la sanità calabrese uscirà dal commissariamento. Anche a Cosenza ci sarà una svolta con Franz Caruso, perché il Pd è il perno all’alternativa alle destre», ha proseguito.

Il caso Gratteri

«Esprimo tutta la solidarietà a lui e tutta la solidarietà al padre, è una persona della quale ho una grandissima stima, una bandiera positiva del nostro paese e della Calabria, merita la nostra stima e la grande riconoscenza del popolo italiano Il giudizio sulle persone non lo do sulla base delle conseguenze politiche dei loro atti», ha affermato poi Letta in riferimento delle rivelazioni del pentito Cataldo.

Il caso Muraca

«Noi ci siamo impegnati per dare il massimo della credibilità alle nostre liste, che sono forti e Amalia Bruni ci ha messo tutto il suo impegno e sono convinto che tutto andrà nella direzione giusta» ha concluso Enrico Letta in riferimento al caso della presenza, tra i candidati regionali del Pd, di Giovanni Muraca, assessore ai lavori pubblici di Reggio Calabria, rinviato a giudizio per abuso d’ufficio e quindi non candidabile, secondo il codice etico del Partito Democratico.

Fotoservizio Arena

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook