Venerdì, 18 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Tra parchi e giardini, le Giornate Fai all'aperto in Calabria e in Sicilia: tutti i siti da visitare

Tra parchi e giardini, le Giornate Fai all'aperto in Calabria e in Sicilia: tutti i siti da visitare

Dalla sequoia gigante tra i pochissimi sopravvissuti al disastro del Vajont nel 1963 alla Palma di San Pietro nell'Orto Botanico di Padova, che tanto entusiasmò Goethe nel suo viaggio in Italia.

Con oltre 200 luoghi in più di 150 località, il Fondo Ambiente Italiano torna a celebrare la bellezza del patrimonio del Paese e per la prima volta in 35 edizioni lancia le speciali Giornate Fai all'aperto interamente dedicate al rapporto tra Cultura e Natura, il 27 e il 28 giugno (prenotazione obbligatoria con contributo minimo entro le 15 del 26 giugno su www.giornatefai.it).

TUTTI I SITI IN CALABRIA

  • Curinga (CZ) - Il platano di Vrisi, albero millenario alto 20 metri con tronco di 18 metri di circonferenza. Antiche leggende raccontano che fu piantato dai monaci del vicino Monastero di Sant’Elia vecchio, dove si conservano i resti del Sancta Sanctorum.
  • Lamezia (CZ) - Abbazia di Sant’Eufemia Vetere, fondata da Roberto il Guiscardo nell’ XI secolo, e Terme di Caronte, dove il condottiero si fermò coi suoi uomini.
  • Rossano (CS) - Complesso monastico basiliano di Santa Maria del Patire, gioiello dell’arte bizantina e basiliana, e Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli (San Giuseppe).
  • Santa Severina (KR) - Villa di Palazzo Barracco di Altilia, disposta a terrazzo su sei piani paralleli intersecati da gradinate. L’elemento più caratteristico del giardino sono i numerosi alberi di pinus pinea che raggiungono anche i trenta metri.
  • Gerace (RC) - Un percorso di fede e di speranza per scoprire la storia del Monumento ai cinque Martiri, il Santuario della Madonna di Prestarona a Canolo.
  • Vibo Valentia- Il Tempio in località Cofino si trova nella parte più alta della città, vicino al Castello. Il grande tempio, scoperto nel 1921 da Paolo Orsi, era dedicato a Kore-Persefone e in seguito anche alla madre Demetra.
  • Castrovillari: Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli (San Giuseppe)
  • Spezzano della Sila (CZ): La Riserva dei Giganti della Sila, nel Parco Nazionale, racconta il “verde gigante”. Cinque ettari della storica “silva” silana dove giganteggiano 60 esemplari di pino laricio alti fino a 45 m, con tronchi larghi fino a 2 m e un’età media di 350 anni. Sono previste visite in compagnia di ornitologi , botanici ed etnobotanici.

TUTTI I SITI IN SICILIA

  • Messina - Forte Cavalli: una delle 22 batterie facenti parte del Sistema Difensivo dello Stretto di Messina, realizzato dallo Stato Maggiore dell’Esercito tra il 1884 e il 1914, con lo scopo di difendere una parte del territorio meridionale da paventati sbarchi francesi.
  • Catania - Castello Ursino, Fossato e Corte interna: uno dei simboli della città
  • Giarre (CT) - Il parco Radicepura è situato all’ombra dell’Etna dove la terra fertile ha permesso la proliferazione di più di 3.000 specie vegetali per un totale di 7.000 varietà di piante.
  • Acireale (CT) - Il giardino di Villa Pennisi è uno dei pochi giardini antichi che hanno resistito agli assalti della speculazione edilizia.
  • Agrigento - Giardino della Kolymbethra
  • Agrigento - Giardini di Villa Genuardi
  • Aragona, Agrigento - Villa Genuardi – Fontes Episcopi
  • Calascibetta, Enna - Villaggio Bizantino Canalotto
  • Palermo - Villa Giulia
  • Priolo Gargallo - Saline di Priolo e Guglia di Marcello fra storia e natura
  • Grammichele - Parco Botanico presso azienda ‘’Agricola & Co’’
  • Pantelleria - Giardino Pantesco Donnafugata
  • Nicosia - La Cona del Gagini nella Basilica di S. Maria Maggiore
  • Palermo - Passeggiata fiume Oreto: affluente Sant'Elia a Pioppo
  • Melilli
  • Parco Pier Santi Mattarella - Giardino inglese
  • Trapani - Salina Salinella

Tutte le foto utilizzate sono state prese dal sito www.FondoAmbiente.it

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook