Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

"Cavallo di ritorno" a Lamezia Terme, 3 condanne e una assoluzione - Nomi e foto

Si è concluso con tre condanne e un’assoluzione il processo per quattro imputati ritenuti responsabili di estorsioni con il sistema del “cavallo di ritorno”.

Il giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Lamezia Terme, Carlo Fontanazza, ha dato lettura della sentenza: Vincenzo Grande, Antonio Miceli e Francesco Berlingieri sono stati condannati a 4 anni di reclusione e mille euro di multa (il pm Marta Agostini aveva invece chiesto la condanna a 4 anni e 6 mesi per Grande e Berlingieri e a 3  anni per Miceli).

Assolto, invece, Damiano Berlingieri (difeso dall’avvocato Villella). Nel collegio difensivo anche gli avvocati Cerra, Cerminara e Bilotta.

Al centro del processo un approfondimento partito dall’operazione  “Crisalide” in merito a delle estorsioni compiute con la pratica del “cavallo di ritorno”: una vera e propria estorsione per cui, chi ha  subito un furto, paga una determinata cifra concordata per ottenere la restituzione della refurtiva.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook