Martedì, 18 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo

Omicidio Bruni a Cosenza, in Cassazione 11 anni a Lamanna e Bruzzese - Nomi e foto

di

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 11 anni inflitta agli ex boss di Cosenza Daniele Lamanna e Franco Bruzzese accusati di concorso nell'omicidio di Luca Bruni, reggente dell'omonima famiglia di 'ndrangheta scomparso per lupara bianca il tre gennaio del 2012 a Rende.

I resti di Bruni sono stati trovati nelle campagne del Rendese due anni dopo grazie alle rivelazioni di Adolfo D'oggetti che partecipo direttamente alla consumazione del delitto. L'azionista, finito in carcere per associazione mafiosa perché ritenuto appartenente alla cosca "Nuova famiglia" guidata a Cosenza da Maurizio Rango, decise dopo alcuni mesi di carcerazione di collaborare con i pm della Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri.

Stessa scelta fecero successivamente Lamanna e Bruzzese pure loro appartenenti al medesimo clan.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook