Sabato, 08 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Foto Archivio Beatificazione di Mamma Natuzza, si apre uno spiraglio

Beatificazione di Mamma Natuzza, si apre uno spiraglio

di

Un passo avanti nel lungo iter previsto per la canonizzazione di Mamma Natuzza. Lo ha annunciato il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Luigi Renzo, proprio nel giorno in cui la Chiesa celebra tutti i santi e a Paravati si ricorda l’ottavo anniversario della scomparsa della mistica. Nei prossimi giorni lo stesso monsignor Renzo insedierà una commissione di teologi per «studiare i fenomeni “speciali” di Natuzza» al fine di arrivare presto a ottenere il via libera della Congregazione delle Fede per poter aprire l’indagine diocesana sulle virtù eroiche della mistica di Paravati. Per monsignor Renzo si tratta di «uno spiraglio di luce» che giunge «dopo le ansie passate». Lo ha scandito durante l’omelia della concelebrazione che ha presieduto a Paravati. Dall’altare, situato davanti alla grande chiesa ancora chiusa al culto, non avrà potuto fare a meno di notare le molte sedie bianche rimaste vuote. Nella spianata della Villa della Gioia ad assistere alla santa messa c’erano fedeli provenienti da ogni parte della Calabria (Reggio, Crotone, Catanzaro, Lamezia, Chiaravalle, Cosenza), dalla Campania (con uno striscione che invocava il ripristino di tutte le attività di culto all’interno degli spazi della Fondazione) ma forse in pochi della Diocesi la cui cura pastorale è affidata proprio a monsignor Renzo. In tutto non più di 1200-1500 persone che hanno voluto comunque dare un segnale anche a chi ha preferito non partecipare a questo appuntamento. Dopo le forti contrapposizioni di questa estate, persistono ancora difficoltà e, forse, persino diffidenze. Resta, invece, forte il legame con Natuzza come ha testimoniato la lenta, costante processione davanti alla sua tomba. In molti hanno deposto un fiore, altri hanno chiesto una grazia. In tutti la speranza che le incomprensioni possano essere superate e che il prossimo anno si possa celebrare questo rito all’interno della grande chiesa che attende solo di essere consacrata.

Nell’edizione in edicola domani un ampio approfondimento e le testimonianze dei fedeli raccolte alla Villa della Gioia

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook