Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Amministrative 2022

Home Foto Amministrative 2022 Catanzaro: Fiorita è il nuovo sindaco (58%), Donato prende 8mila voti in meno del primo turno

Catanzaro: Fiorita è il nuovo sindaco (58%), Donato prende 8mila voti in meno del primo turno

Rimonta completata per Nicola Fiorita che sta per diventare il nuovo sindaco di Catanzaro. Il campo largo progressista, guidato da Pd e Movimento 5 Stelle, piazza la propria bandierina sul capoluogo calabrese, mettendo a segno un colpo politicamente molto significativo. Sconfitta pesante per il centrodestra (più civiche) guidato da Valerio Donato, che pure al primo turno aveva incassato un’ampia maggioranza e partiva da poco meno di 13 punti percentuali avanti. La vittoria di Fiorita - suo padre, democristiano doc, guidò il Comune per alcuni mesi nel 1993 - consente il centrosinistra al governo della città dopo dieci anni di dominio incontrastato targato Sergio Abramo. Il successo del docente di Diritto ecclesiastico dell’Unical, 53 anni, è stato in qualche modo favorito anche dal sostegno arrivato da spezzoni del centrodestra guidati da Antonello Talerico (e, seppur non ufficialmente, da Mimmo Tallini), candidato a primo cittadino al primo turno in rappresentanza di una coalizione centrista ma con diversi esponenti provenienti dalla destra. Alla fine Nicola Fiorita ha raccolto 17.823 voti (addirittura 3mila in più del primo turno) pari al 58,24%, mentre Valerio Donato si è fermato a 12.778 (ben 8mila in meno del primo turno) pari al 41,76%.

Il nuovo Consiglio

In ogni caso, con l’elezione di Fiorita si apre il problema della governabilità. La coalizione di centrosinistra parte da una base di 9 seggi su 32 in Consiglio comunale perché lo schieramento pro Donato è stato capace di raccogliere, al primo turno, più del 50 per cento dei consensi e accaparrarsi così 18 seggi. Insomma, siamo di fronte a un classico caso di “anatra zoppa”, termine coniato dai politologi per indicare quei rari casi in cui un sindaco, pur eletto a maggioranza, si trova a “convivere” con un Consiglio comunale la cui maggioranza è rappresentata da liste che avevano sostenuto un diverso candidato a primo cittadino. Gli esempi concreti di tale situazione non mancano: come dimenticare, infatti, l’esperienza vissuta nella vicina Lamezia Terme da Gianni Speranza? Fiorita sarà così costretto a raccogliere i numeri in Aula provvedimento per provvedimento.
La “maggioranza” sarà composta da Gianmichele Bosco, Vincenzo Capellupo, Donatella Monteverdi (Cambiavento); Daniela Palaia e Tommaso Serraino (Mò Fiorita Sindaco); Giusy Iemma, Fabio Celia (Partito democratico), mentre a tenere alta la bandiera del M5S (al suo esordio in Aula) sarà Danilo Sergi. Infine, uno scranno tocca a Gregorio Buccolieri (Catanzaro Fiorita, Psi, Volt, Civiche). La coalizione civica, invece, sarà guidata Antonello Talerico, Raffaele Serò, Giulia Procopi e Antonio Barberio. L’ultimo seggio è appannaggio di Ferro (FdI).

Al primo turno Donato e Fiorita hanno ottenuto, rispettivamente, il 44,01 ed il 31,71 per cento.

Alle 22 il dato dell'affluenza

Catanzaro 42,22% (65,91% al primo turno)

Acri (Cs)

Paola (Cs) 48,55% (63,51%)

Alle 12 il dato dell'affluenza

Catanzaro: 13,77%

Acri (CS): 14,67%

Paola (CS): 18,75%

Alle 19

Catanzaro: 26,78%, poco meno del 20% in meno rispetto al primo turno

Acri (CS): 34,1% (poco meno di 7000 elettori, primo turno 42,2%)

Paola (CS): 34,06%

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook