Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Il Catanzaro adesso crede nella rimonta. Il record di Vivarini
SERIE C

Il Catanzaro adesso crede nella rimonta. Il record di Vivarini

di
Il tecnico è diventato l'allenatore giallorosso con la migliore striscia vincente in C1 o C unica: superato Braglia

Il Catanzaro non si nasconde più. Il campionato è definitivamente riaperto, la B diretta non è un sogno, i record sono fatti per essere infranti. Sei vittorie di fila in terza serie sono un inedito nella storia del club, Vivarini ha superato Braglia e viaggia a una media super nelle sue undici uscite in campionato: 26 punti su 33, nessuno ha fatto meglio del Catanzaro governato dall'abruzzese.

Il Bari conserva quattro punti di vantaggio e il successo nello scontro diretto dell'andata, ma ha tutto da perdere, sta cominciando ad avvertire in modo clamoroso la pressione (si è visto nel ko interno col Campobasso). Soprattutto, dovrà presentarsi al “Ceravolo” il 13 marzo. Il destino passa dai tre colli.

Quel turno potrebbe rivelarsi davvero decisivo, anche se in mezzo ci sono altre tre giornate (domani alle 21 Potenza-Catanzaro e Bari-Picerno), quindi i rapporti di forza possono mutare. Però in questo momento i giallorossi hanno tutta l'inerzia dalla loro parte.

La maniera autoritaria con la quale si sono imposti a Taranto è l'ultima conferma della forza acquisita nell'arco di tre settimane: i pugliesi non avevano mai perso in casa, ma sono stati messi sotto con il gioco, oltre che con le qualità tecniche individuali per cui il Catanzaro non è secondo a nessuno, neanche alla capolista.

Sul piano della manovra, invece, in questo momento non ce n'è: la squadra di Vivarini si esprime meglio di qualsiasi altra e sa farlo in casa come in trasferta.

Prima di incassare il gol di Fazio sugli sviluppi di un calcio di punizione nel primo quarto d'ora della ripresa, il Taranto ha subìto le Aquile per un lungo tratto del primo tempo: non riusciva a uscire dalla propria trequarti, né a risalire il campo, ha sofferto notevolmente la pressione e le trame dei giallorossi. Se la prima frazione è terminata pari i pugliesi hanno potuto ringraziare le occasioni nette non capitalizzate da Biasci e soci.

Il centrocampo è stato il reparto più dominante: Cinelli allo “Iacovone” ha giocato un'ottima partita, forse anche meglio di quella con l'Avellino. Non è il giocatore che si fa notare dal pubblico, ma è uno di quelli che si fanno sentire dagli avversari e dai compagni: chiude, ricuce, dà ordine. Sabato è pure entrato in due delle occasioni da gol create nel primo tempo, segno che sta ampliando il proprio raggio d'azione e che ha una condizione che finalmente lo sorregge. Il suo recupero alla causa è ormai una delle chiavi di questo momento d'oro. Un'altra è la capacità di colpire sui calci piazzati. Lo schema che ha permesso a Fazio di colpire indisturbato in area è stato studiato per mandare in confusione la retroguardia avversaria. Il centrale è il dodicesimo marcatore diverso in campionato (con la Coppa si arriva a quindici).

Con il blitz di Taranto Vivarini è diventato l'allenatore giallorosso con la migliore striscia vincente in C1 o C unica: Braglia, nella stagione dell'ultima promozione in B si era fermato a cinque.

È stato un sabato storico anche per l'Under 14 pro allenata da Gemelli, che ha vinto 1-0 in casa del Napoli agguantando proprio i partenopei al primo posto in classifica. Rete di Raimondi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook