Giovedì, 30 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Taibi: "Una Reggina più forte senza aver pesato sul bilancio"
SERIE B

Taibi: "Una Reggina più forte senza aver pesato sul bilancio"

di
reggina calcio, Reggio, Calabria, Sport
Taibi

Al direttore sportivo della Reggina, Massimo Taibi, c'è un pregio - o un difetto, dipende dai punti di vista - che non gli si può negare: la schiettezza. Al netto degli inevitabili “tatticisimi” in sede di trattative, il dirigente palermitano difficilmente gira intorno al discorso, andando al dunque indugi. Ed anche ieri, durante la conferenza stampa sull'esito del mercato invernale, il responsabile dell'area tecnica amaranto non si è smentito: «A me sembra che quando si vince è merito degli altri, quando si prede lo str… sono io».

Ad onore del vero è l'unico momento che “strappa” i toni di un resoconto molto razionale, con un ds particolarmente soddisfatto per aver «raggiunto gli obiettivi di questo mercato». Il breve sfogo è invece riconducibile alle numerose critiche ricevute in questi ultimi mesi, contraddistinti dai risultati negativi della squadra.

«Dobbiamo essere compatti, noi come società lo siamo, lo abbiamo dimostrato anche nell'ultimo giorno di mercato. Serve equilibrio, non mi entusiasmavo quando eravamo secondi, non mi deprimo adesso».

La lettura di quanto avvenuto nel calciomercato invernale ha prologo, copione ed epilogo. «In questa finestra - ha spiegato Taibi - mi è stato chiesto dalla società di rinforzare la squadra senza gravare sul bilancio. Abbiamo fatto entrate ed uscite cercando di non sforare i parametri e ci siamo riusciti».

Ci sono due aspetti fondamentali su cui si è lavorato per vincere la sfida: «Far uscire giocatori, cosa mai semplice perché devi convincerli e trovargli squadra, ed acquistarne nuovi al “prezzo nostro”. La Reggina ci è riuscita “grazie al lavoro svolto insieme al mio collaboratore Fabio Ienco, per un mese abbiamo girato l'Italia affinché questo accadesse. Ho scoperto - ha detto ironicamente Taibi - che Reggio è Miami, nessuno vuole andare via…».

Il colpo in entrata più importante è sicuramente il ritorno di Folorunsho: «Lo volevamo fortemente, sei squadre lo hanno cercato ma lui ha scelto la Reggina». Il retroscena è invece relativo ai numerosi interessi verso i calciatori più qualitativi della compagine amaranto: «Ci hanno chiesto tanti nostri giocatori, da Galabinov a Crisetig fino a Cionek e Di Chiara ma grazie alla società siamo riusciti a confermali». Anche l'assenza di volti nuovi in attacco, nonostante la squadra abbia una palese crisi di gol, ha una ragione: «Inizialmente avevamo altri obiettivi, con i cambi di allenatore anche alcune strategie si sono modificate. Abbiamo deciso di rinforzare le corsie esterne, oltre a prendere Folorunsho che può spaccare le linee e far salire la squadra. Gli attaccanti li abbiamo, ma devono essere serviti per poter segnare, abbiamo preso calciatori con quelle caratteristiche con questo obiettivo».

Chiosa finale sui francesi Menez e Faty, sul cui utilizzo saranno fondamentali le valutazioni dell'allenatore. Il succo è: «chi merita gioca». Messaggio, anche qui, gonfio di schiettezza.

Rivas è quasi out. Pronti i tre nuovi

Non proprio buone notizie per il tecnico Roberto Stellone che, al centro sportivo Sant'Agata, prepara il suo esordio sulla panchina della Reggina sabato a Terni. Mancherà, quasi sicuramente, Rigoberto Rivas, già assente nell'ultima trasferta di Monza. L'honduregno non ha smaltito il risentimento muscolare accusato nella sfida interna contro il Brescia e avrà ancora bisogno di tempo per recuperare. Da monitorare anche le condizioni del difensore Stavropoulos, anche lui alle prese con problemi fisici di natura muscolare. Già pronti al debutto, invece, tre nuovi acquisti: Aya, Folorunsho e Kupisz che viaggiano verso una maglia da titolare. Per Cristiano Lombardi, invece, bisognerà attendere qualche giorno ancora.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook