Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Calabria, la forza del Terzo settore a sostegno dei profughi ucraini
SOCIALE

Calabria, la forza del Terzo settore a sostegno dei profughi ucraini

di
Messi a disposizione da associazioni e coop circa 400 alloggi

Vuole ancora dire la sua sul fronte dell’accoglienza la Calabria che si conferma terra di confine aperta alle popolazioni che soffrono. Ne è testimonianza la grande partecipazione alle manifestazioni d’interesse della Protezione civile rivolte al Terzo settore per l’accoglienza diffusa dei profughi ucraini. Qualche giorno fa i dati nazionali hanno infatti mostrato che dalla regione è arrivata la disponibilità di ben 4.043 posti (il 15% del totale), preceduta dalla sola Campania (4.311). Ora ci saranno le verifiche dei requisiti ma il segnale lanciato dal Terzo settore è inequivocabile, come spiega bene il portavoce calabrese del Forum, Luciano Squillaci, quando afferma che «il nostro mondo così come quello di Caritas e altre realtà si è organizzato provando a costruire una forma di accoglienza che per noi non può essere quella degli alberghi: le megastrutture – spiega – possono andar bene in fase di emergenza, ma in questa fase si deve immaginare un’accoglienza diffusa e a misura d’uomo». A entrare nel dettaglio è Giuseppe Apostoliti, portavoce catanzarese del Forum, che sottolinea come il progetto che vede capofila il Csv Calabria e coinvolge associazioni e cooperative sociali abbia individuato e proposto 400 posti in tutta la regione tra appartamenti e strutture.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook