Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Tre amici d’infanzia di Isola Capo Rizzuto oggi alti prelati
CALABRIA

Tre amici d’infanzia di Isola Capo Rizzuto oggi alti prelati

di
Sono nati e cresciuti nello stesso paese i vescovi Tonino Staglianò, Fortunato Morrone e Pino Caiazzo. Sempre forte il loro legame con le comunità che hanno accompagnato nella preghiera

Il primo è stato don Tonino Staglianò nel 2009; poi c’è stato don Pino Caiazzo nel 2016; oggi arriva anche don Fortunato Morrone. Vescovo di Noto il primo, arcivescovo di Matera-Irsina il secondo, di Reggio Calabria-Bova il terzo. Ad accomunarli ci sono luogo d’origine ed età: tutti sono nati ad Isola Capo Rizzuto, tutti tra il 1956 ed il 1959. Ed è davvero singolare che un centro che solo da pochi anni ha superato i 15mila abitanti (e che alla fine degli anni ’50 ne contava circa 9mila) abbia dato i natali a tre alti prelati della stessa generazione, che a distanza di 200 anni raccolgono il testimone di una storia ecclesiastica antica e prestigiosa: perché per secoli Isola Capo Rizzuto ha ospitato una sede vescovile, che fu soppressa nel 1818.
Amici d’infanzia prima, protagonisti di un comune cammino di fede in gioventù, infine “colleghi”. E non è un caso che uno dei suoi primi pensieri dopo la nomina, monsignor Fortunato Morrone lo riservi proprio a loro: «Il mio pensiero va anche ai miei amici d’infanzia, don Pino Caiazzo e don Tonino Staglianò» dice, ancora un po’ frastornato, subito prima dell’annuncio ufficiale della sua nomina dato sabato a mezzogiorno dall’arcivescovo di Crotone e Santa Severina monsignor Angelo Raffaele Panzetta nella Basilica cattedrale di Crotone.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook