Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Agenzia per le politiche del lavoro: la riforma allo studio della Regione Calabria
IL PROGETTO

Agenzia per le politiche del lavoro: la riforma allo studio della Regione Calabria

di
All’orizzonte il superamento di Azienda Calabria Lavoro fondata nel 2001

Le polemiche sui requisiti inseriti nel bando di concorso per l’assunzione di 113 funzionari ancora non si sono spente, eppure la Regione guarda già oltre, puntando sulla riorganizzazione del mercato del lavoro. Obiettivo è l’istituzione dell’Agenzia regionale per le politiche attive. Si tratta di un progetto messo a punto dal dipartimento competente - che non comprende, al momento, i Centri per l’impiego -, trasferito al segretariato generale della Cittadella per farlo diventare un progetto di legge d’iniziativa dell’esecutivo e che punta a riformare la legge 5/2001 che ha consentito l’istituzione di Azienda Calabria Lavoro.
Oggi Acl è un Ente pubblico economico, che opera secondo diritto privato, differenziandosi per questo dalle pubbliche amministrazioni. Con il nuovo progetto, Calabria Lavoro transiterebbe nel nuovo soggetto giuridico di natura pubblica. Non è dato sapere ancora dove avrà la nuova Agenzia: se collocata presso la sede della Giunta regionale, a Catanzaro, oppure a Reggio Calabria dove si trova adesso collocata Azienda Calabria Lavoro. Di conseguenza, il personale operante in questa struttura sarebbe assegnato alla realtà nascitura.

Ma è proprio sulle modalità di passaggio dei dipendenti di Acl nella nuova Agenzia che si addensano i maggiori interrogativi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook