Giovedì, 02 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Calabria penalizzata dalla legge di stabilità
L'INCONTRO

Calabria penalizzata dalla legge di stabilità

di
L’allarme del presidente degli industriali della regione durante il confronto con la Banca europea degli investimenti su Next Gen e fondi Ue

È un vero e proprio grido d’allarme quello che Aldo Ferrara, presidente di Unindustria Calabria, ha lanciato ieri intervenendo al convegno “Next Generation Eu, Bilancio Ue e Bei: opportunità europee per il rilancio della Calabria”, l’appuntamento attraverso il quale Parlamento europeo, Governo, Banca europea degli investimenti e Regione Calabria hanno fatto il punto sulle prospettive legate alle ingenti somme che arriveranno nella nostra regione grazie ai diversi piani di finanziamento europei come Pnrr e Por: «La Legge di stabilità – ha detto il presidente degli industriali calabresi riprendendo il tema rilanciato anche dal presidente nazionale Carlo Bonomi – sta cancellando le misure previste finora per il Mezzogiorno come il credito d’imposta e le agevolazioni nelle aree Zes, dal prossimo anno non ci saranno più. Se così fosse, si svuoterebbe il principale strumento con cui è possibile incrementare la capacità di attrazione di investimenti privati da fuori i confini regionali e nazionali. Mi auguro che i governatori delle regioni del Sud ci supportino nella richiesta al governo di rivedere questa scelta».

Quella evidenziata da Ferrara, però, non è l’unica prospettiva che preoccupa quando si pensa alle opportunità in arrivo grazie ai fondi europei. Se, infatti, l’unica vera certezza è che a mancare non saranno i soldi - tra tutte le programmazioni e compreso il Pnrr, fino al 2026 la Calabria avrà a disposizione più di 19mld di euro, come sottolineato da Maurizio Nicolai (Autorità di gestione) -, pesano molto di più le questioni legate a efficacia ed efficienza della spesa: la prima è questione di esclusiva pertinenza politica, a partire dal livello regionale che sarà chiamato a mettere in piedi i bandi necessari a realizzare il piano presentato e approvato nei giorni scorsi dall’Europa. La seconda, invece, è questione che attiene alle professionalità a cui sarà demandato il compito di intercettare i fondi legandoli a progetti concreti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook