Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Calabria, M5S: Misiti nuovo referente dopo il flop alle Comunali
LA NOMINA

Calabria, M5S: Misiti nuovo referente dopo il flop alle Comunali

Calabria, Politica
Massimo Misiti (M5S)

Massimo Misiti, medico e deputato, è il nuovo referente del Movimento Cinquestelle in Calabria. L’incarico gli è stato conferito dal leader dei grillini Giuseppe Conte, all’indomani delle elezioni comunali – nelle quali il M5S ha ottenuto risultati mediocri dappertutto – e alla vigilia dei ballottaggi che si terranno in alcuni grossi centri della regione, primo fra tutti il capoluogo, Catanzaro. «È un momento che mi inorgoglisce – spiega all’Agi – però mi dà un carico maggiore di responsabilità nei confronti sia del movimento che mi ha accolto quasi 5 anni fa, sia dei cittadini calabresi che si aspettano un percorso di partecipazione alla politica. Penso che sia necessario coinvolgere i territori ripartendo da quelle che erano le critiche che noi facevamo ai partiti quando denunciavamo che non avevano un rapporto con gli elettori. Noi – aggiunge – dobbiamo ripartire da questo. Fare politica significa anche avere un confronto, avere delle sensibilità e partecipare alle problematiche delle città, dei territori e dei paesi. Non solo la partecipazione alle criticità, quindi, ma anche tentare di risolvere i problemi».
In vista dei ballottaggi la situazione dei Cinquestelle, alla luce dei risultati emersi dalle urne, soprattutto a Catanzaro, in Calabria non appare esaltante. Misiti ne è consapevole.

«Catanzaro non può essere identificata solo con Germaneto»

Il Movimento, nella città capoluogo di regione, sostiene, insieme con il Pd, Nicola Fiorita che sfida il civico Valerio Donato, sostenuto dal centrodestra. «Ovviamente – risponde a questo proposito – ci auguriamo che Nicola Fiorita vinca e che la sua partecipazione alla vita della città sia la partecipazione di chi crede nel cambiamento legato alle necessità di una città che non può essere solo identificata come Germaneto (il quartiere dove sorgono i grandi insediamenti direzionali fra cui la sede della Regione, ndr) o come l’ospedale Pugliese-Ciaccio. Catanzaro – sostiene Misiti – è una città che ha anche un porto che ha una vita, è una città che pulsa e che necessita di dimostrare di essere il riferimento regionale non soltanto dal punto di vista amministrativo, ma anche come zona di attenzione nei confronti dei cittadini attraverso la soluzione dei problemi. Catanzaro non deve essere identificata solo come sede del governo regionale, ma deve essere una città integrata e integrante della regione intesa come comunità».

«La Calabria deve smettere di piangersi addosso»

Proprio ieri Bankitalia ha diffuso il suo ultimo rapporto sull’economia regionale. La Calabria resta indietro. C’è qualche segnale di ripresa delle attivita’, ma resta forte il peso di divari economici e sociali storici a cui si aggiunge il gravame delle contingenze legate al Covid e alla guerra in Ucraina. Rimane la regione che ha il doppio dei disoccupati rispetto al centro-nord e la metà del reddito. «Il lavoro – commenta Misiti – è la nota dolente della nostra regione con l’emigrazione che ne consegue e la necessità di dare la giusta valorizzazione alle persone perché la Calabria è identificata sempre come la regione della ‘ndrangheta e della droga in giro per il mondo. Ma dall’altra parte – osserva – c’è una regione abitata da persone oneste, corrette, che vivono di sacrifici. Occorre dire, per l’ennesima volta, che bisogna rinvigorire il percorso dell’area portuale e retroportuale di Gioia Tauro con degli investimenti che non siano soltanto misure vuote e creare un supporto alle università, che ogni anno formano delle menti eccelse e poi vanno in giro per il mondo perché in Italia non hanno possibilità di affermarsi. La Calabria, i suoi assessori e consiglieri regionali devono creare partnership a livello nazionale e internazionale. Non possiamo sempre piangerci addosso elencando ciò che ci manca, ma bisogna creare qualcosa».

«Eliminare la mafia partendo da burocrazia e centri di potere»

Lo sviluppo economico, secondo Misiti, si realizza soprattutto mettendo a frutto le menti che ogni anno vengono formate nelle università calabresi. «L’ateneo di Cosenza – dice – è uno dei migliori al mondo, la facoltà di medicina di Catanzaro sforna ogni anno medici specialisti che poi vanno via dalla Calabria. Bisogna anche fare in modo che i prodotti tipici della nostra agricoltura siano un punto di riferimento nazionale, incentivando le colture tipiche come gli agrumi, i pomodori le patate, così come la pesca. Il turismo delle zone costiere e montane – aggiunge – potrebbe essere attrattivo come la costiera emiliana, quindi non solo in estate, ma anche nel periodo invernale. C’è la possibilità di dare delle risposte a tante domande, ma occorre anche – conclude – eliminare la mafia a tutti i livelli, a cominciare dalla burocrazia e dai centri di potere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook