Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Ospedali Calabria, Sapia: il Governo privilegi le zone montane
INTEPELLANZA

Ospedali Calabria, Sapia: il Governo privilegi le zone montane

Calabria, Politica
Francesco Sapia

«Al ministro della Salute e all’intero governo chiedo un ripensamento radicale sugli standard ospedalieri e territoriali». L’ha detto alla Camera il deputato di Alternativa e della commissione Sanità Francesco Sapia, che ha illustrato una sua interpellanza con cui ha chiesto al governo di ridefinire le dotazioni degli ospedali e dell’assistenza territoriale privilegiando le zone montane e quelle disagiate, nel senso di considerarne le condizioni di «viabilità, clima, deprivazione sanitaria, maggiore incidenza di patologie croniche, povertà e vulnerabilità sociale».

«Inviterei il sottosegretario Andrea Costa – ha proseguito il parlamentare di Alternativa – a fare con me un giro nelle strutture ospedaliere e territoriali della Calabria, dove non c’è quasi più niente. File chilometriche, anziani ultraottantenni in coda dalle 5 del mattino per timbrare il ticket, reparti dismessi, carenze croniche di personale, 118 privo di medici, unità di Pronto soccorso ridotte all’osso, anestesisti introvabili, guardie mediche con il contagocce e collegamenti ad Internet inadeguati per la telemedicina».

«La logica dell’assistenza sanitaria – ha sottolineato Sapia – dovrebbe essere invertita, le risposte devono essere date a livello territoriale. L’impianto attuale degli standard ospedalieri e territoriali è deficitario, limitandosi a suddivisioni algebriche di bacini predefiniti, spesso senza che gli stessi abbiano omogeneità geografiche e di collegamenti viari. C’è una grande colpa politica: il governo e la sua maggioranza stanno agendo per desertificare interi territori, a partire dalle aree montane, che vanno ripopolate e rivitalizzate iniziando dai servizi sanitari. Non bastano, infatti, a tal riguardo, gli incentivi pensati per i Comuni montani».

«C’è bisogno di coraggio e di coscienza, che purtroppo io non vedo in questo momento storico, se non – ha concluso Sapia – nelle forze parlamentari come Alternativa, che respingono l’organizzazione dei servizi pubblici essenziali basata sull’algebra e sull’astrattezza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook