Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regione Calabria, Bausone: “Afflitto assume il suo avvocato in commissione di vigilanza. Atto gravissimo”
LA DENUNCIA

Regione Calabria, Bausone: “Afflitto assume il suo avvocato in commissione di vigilanza. Atto gravissimo”

«È gravissimo che il presidente della commissione regionale di vigilanza Francesco Afflitto utilizzi la stessa come uno stipendificio. Ad essere assunto con decorrenza dal primo febbraio (come da determina delle risorse umane del consiglio regionale numero 75 del 31 gennaio) e con un compenso da 40.772,64 euro annui è, difatti, Eugenio Vitale, il suo avvocato difensore nel giudizio pendente dinanzi al Tribunale di Catanzaro in cui, per motivi di ineleggibilità, ne chiedo la decadenza da una carica per la quale Afflitto ha dimostrato una palese inadeguatezza suscitando imbarazzo ad un M5S regionale già di per sè  (e a sua volta) sempre più “afflitto” rispetto alle prove e alle tentazioni di Palazzo Campanella». Lo afferma Alessia Bausone, esponente del M5S già candidata alle elezioni regionali.

«Quindi, se a poco più di una settimana dall’udienza di discussione sulla sua (da me asserita) ineleggibilità, Afflitto assume il suo avvocato, è lecito chiedersi: i calabresi devono pagare, di fatto, le spese legali per la difesa in giudizio di un consigliere regionale? Farò certamente esposto - prosegue Bausone - al competente consiglio di disciplina forense affinchè valuti la compatibilità di tale curiosa circostanza con la deontologia a cui ogni avvocato ligiamente si deve attenere. Rimane, però, il dato politico: il M5S regionale, dopo aver elemosinato a Roberto Occhiuto la commissione di vigilanza, le cui prima seduta è durata quanto un soffio di vento, deve far fronte ad un primo atto che è decisamente imbarazzante. Ho sempre sostenuto che offrire la presidenza della vigilanza ad un vigilante che non è riuscito a vigilare su se stesso (non andando in aspettativa durante la campagna elettorale e, perciò, esponendosi a ricorsi elettorali) sia stata una scelta frutto di un’operazione di bandierina all’insegna dell’antimeritocrazia. Oggi, però, di fronte a scelte (e assunzioni) indifendibili, occorre una valutazione da parte del vicepresidente della vigilanza Lo Schiavo, che con i colleghi Loizzo, Caputo, Straface e Neri devono decidere se prendere una chiara posizione politica chiedendo un passo indietro ad Afflitto o essere complici di una distorsione delle regalie che una presidenza di una commissione offre in dote. Duole prendere atto, infine, che se nel M5S nazionale si invoca da più parti confronti e chiarimenti rispetto a determinate condotte, nei confronti delle dinamiche territoriali si abbiano e si tengano le cispe negli occhi, subendo l’onda della scelleratezza e dell’improvvisazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook