Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali Calabria, il Pd (e Bruni) adesso puntano a un’opposizione “responsabile”
DOPO LE ELEZIONI

Regionali Calabria, il Pd (e Bruni) adesso puntano a un’opposizione “responsabile”

di
I dem confermano 5 consiglieri, ma arretrano di tre punti percentuali e guardano ai congressi. Il flop della lista del presidente
Amalia Bruni, Calabria, Politica
Amalia Bruni

Le divisioni della sinistra costano care al Pd. I dem perdono quasi tre punti percentuali rispetto alle elezioni regionali del 2020 pur confermando lo stesso numero (cinque) di rappresentanti in Consiglio. Ci sarà da interrogarsi sul perché del passo indietro, certo è che non hanno giovato le peripezie dei mesi scorsi con la girandola di candidature per la presidenza della Regione. Nicola Irto, prima lanciato e poi invitato al passo indietro per salvare l'accordo con il Movimento 5 Stelle, la parentesi dell'imprenditrice Maria Antonietta Ventura durata lo spazio di qualche giorno, infine la scelta di puntare su Amalia Bruni. La direttrice del Centro regionale di neurogenetica assicura di voler esercitare - a differenza di quanto successo nella passata legislatura con Pippo Callipo - il ruolo di leader dell'opposizione. “Condurrò un'opposizione seria”, assicura Bruni. E a dare linfa alla linea della responsabilità ci sono anche le parole di Stefano Graziano, commissario del Pd calabrese: «La sanità pubblica, i fondi del Pnrr, la tutela ambientale, la riorganizzazione della pubblica amministrazione, su questi e altri aspetti saremo disponibili al dialogo con la maggioranza, pur da prospettive politiche nettamente diverse».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook