Giovedì, 09 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali in Calabria: tutti vogliono l'unità, ma... Il centrosinistra rimane spaccato
ELEZIONI

Regionali in Calabria: tutti vogliono l'unità, ma... Il centrosinistra rimane spaccato

di

A parole tutti si dicono d’accordo: senza unità il centrosinistra rischia di consegnare la Regione nuovamente in mano alla destra. Nella sostanza, però, le divisioni nel campo progressista restano evidenti. E l’appello lanciato da Mario Oliverio a un passo indietro di tutti i candidati in campo - lui stesso, ma anche Amalia Bruni e Luigi de Magistris - per cercare in pochi giorni una figura unitaria è destinato a cadere nel vuoto.

La candidata del centrosinistra a guida Pd-M5S continua a ripetere di essere aperta al dialogo con tutti, ma a patto che si parta dalla coalizione che lei stessa guida. Idem fa l’ex pm di Catanzaro, da mesi alla guida del Polo civico. La verità è che la mossa di Oliverio è soltanto un tentativo per fare uscire allo scoperto i suoi competitor. Sa bene, l’ex governatore, che arrivati a questo punto la strada verso l’unità si fa sempre più stretta se non impraticabile.

I pontieri, comunque, non si arrendono. È il caso di Giuseppe Aieta, consigliere regionale dei Democratici Progressisti, in buoni rapporti con Oliverio e con i vertici del Pd. "Il campo del centrosinistra - dice - è a pezzi: tre autorevoli candidati votati ad una sonora sconfitta a tavolino che sarà un vero e proprio bagno di sangue".

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook