Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Stabilizzazione precari in Calabria, Pd: evitare ogni forma di strumentalizzazione
L'INTERVENTO

Stabilizzazione precari in Calabria, Pd: evitare ogni forma di strumentalizzazione

pd, precari calabria, strumentalizzazioni, Calabria, Politica
Una delle proteste degli Lsu della Calabria

“Ieri, alla Camera dei deputati, in Commissione bilancio, è stata approvata la norma, introdotta nel Decreto Legislativo "Sostegni bis", che finanzia la proroga del contratto dei tirocinanti che prestano servizio presso la pubblica amministrazione. Sono stati stanziati 60 milioni di euro per i tirocinanti che svolgono attività presso gli uffici ministeriali (giustizia, scuola, beni culturali) in Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, unitamente a ulteriori 25 milioni per i lavoratori "ex mobilità in deroga", che vengono impiegati al servizio degli enti locali calabresi. L'approvazione di tale norma è la risultante di un impegno unitario di tutta la deputazione calabrese. Appare, pertanto, davvero sconveniente l'azione di propaganda che qualche forza politica va facendo in queste ore al solo scopo di condizionare e strumentalizzare, in vista delle elezioni regionali, il voto di migliaia di lavoratori, il cui percorso di stabilizzazione non ha ancora raggiunto la giusta meta”. È quanto dichiarano, in una nota congiunta, il gruppo PD della Camera e quello del Consiglio regionale della Calabria. “L’azione –continua la nota – dovrà proseguire in sede di discussione della prossima legge di bilancio, dove vogliamo arrivare all’approvazione della norma che consenta la definitiva equiparazione dei lavoratori di pubblica utilità (LPU) con i lavoratori socialmente utili (LSU), stabilendo un chiaro vincolo legislativo per la storicizzazione della spesa negli anni a venire. Per questo, Il PD-Calabria fa appello ai deputati e senatori calabresi, prima di tutto a quelli che rappresentano la maggioranza parlamentare di governo, di evitare ogni forma di strumentalizzazione e di assumere la lotta contro il precariato al di sopra di ogni interesse di partito. Anche perché i sacrosanti diritti dei precari non sono una concessione, ma un dovere di giustizia sociale: non è una elargizione benefica sulla quale fare campagna elettorale”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook