Venerdì, 30 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Rifiuti in Calabria, incendi osservati speciali ma la ’ndrangheta (forse) non c’entra
AMBIENTE

Rifiuti in Calabria, incendi osservati speciali ma la ’ndrangheta (forse) non c’entra

di
Il ministro Cingolani fa il punto sull’emergenza
rifiuti calabria, Paolo Parentela, Roberto Cingolani, Calabria, Politica
L’incendio che ha fermato l’impianto di Siderno che smaltiva circa il 30% dell’organico

«Il Ministero dell’Interno in via preliminare precisa che la situazione della gestione dei rifiuti in Calabria costituisce un annoso problema che, nei siti regionali di stoccaggio adibiti al conferimento e smaltimento dei rifiuti, assume, periodicamente, connotati emergenziali». Il tempo passa e poco o niente cambia, quantomeno in positivo: a tirare le somme è il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nella risposta scritta a un’interpellanza del deputato del M5s Paolo Parentela e di altri colleghi pentastellati (Dieni, d’Ippolito, Sapia, Barbuto, Scutellà, Melicchio e Cillis). Partendo dagli incendi che nei mesi scorsi hanno interessato alcuni impianti sul territorio regionale, viene fuori un quadro in chiaro (poco) scuro (tanto) la cui cornice è l’impegno garantito dal Ministero a seguire «attentamente le vicende che interessano la gestione dei rifiuti nel territorio calabrese» e procedere «qualora la situazione non dovesse rientrare nel breve periodo» ad attivare tavoli tecnici di confronto «ai fini della risoluzione delle criticità».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook