Sabato, 06 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali Calabria: Sardine, de Magistris? Non serve uomo provvidenza
L'INTERVENTO

Regionali Calabria: Sardine, de Magistris? Non serve uomo provvidenza

Jasmine Cristallo, portavoce nazionale ed esponente calabrese delle Sardine: « In taluni progetti elettorali, a dispetto dei propositi sbandierati, il grande assente è il popolo calabrese»
regionali calabria, Jasmine crisallo, luigi de magistris, Calabria, Politica
Jasmine Cristallo è la leader delle Sardine in Calabria

"La Calabria ha bisogno che a sinistra si recuperi un'identità ed una progettualità intorno a valori riconoscibili, leggibili da tutti, da tutti recepitili perché vissuti, e non di affermazioni politichesi per addetti ai lavori, che sempre più sono assimilabili a manutentori di palazzi anziché a costruttori di comunità. In questo quadro, credo che le autocandidature e le diverse fughe in avanti a cui stiamo assistendo non vadano in una direzione di reale e autentica attenzione alla Calabria". Così Jasmine Cristallo, portavoce nazionale ed esponente calabrese delle Sardine, dopo la candidatura a presidente della Regione del sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

"Piuttosto, intravedo affermazioni di un io e non certo di un noi, progetti singoli e non di comunità. Il racconto, finora, è sempre in prima persona e mai declinato dentro le fragilità e le risorse della mia terra, lontano dalla Calabria reale, che vive, combatte e si sacrifica ogni giorno - prosegue Cristallo -. Forme di leaderismo più o meno spinto la fanno da padrona ed occupano lo spazio del dibattito pubblico che, invece, dovrebbe nutrirsi di una tensione collettiva. La personalizzazione non è mai foriera di buone pratiche e l'attualità politica nazionale ce lo testimonia di continuo. Certe candidature vanno incontro all'indole calabrese di affidarsi a un uomo della provvidenza, una pratica che alla lunga si è rivelata dannosa e autolesionista. In taluni progetti elettorali, a dispetto dei propositi sbandierati, il grande assente è il popolo calabrese - conclude -. In politica deve ritornare ad essere prioritaria la pratica di cercare i punti che uniscono e non quelli che dividono, senza per questo negare le proprie sensibilità le proprie specificità culturali e di riferimento ideologico, o peggio chiedere di negare la propria storia". (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook