Lunedì, 20 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sanità, Sposato: "I calabresi hanno diritto a cure non condizionate dalla 'ndrangheta"
CGIL

Sanità, Sposato: "I calabresi hanno diritto a cure non condizionate dalla 'ndrangheta"

'ndrangheta, cgil, sanità, Angelo Sposato, Calabria, Politica
Angelo Sposato

"I calabresi hanno diritto alle cure e ad una sanità di qualità che non venga condizionata dalla 'ndrangheta". Angelo Sposato, segretario generale della Cgil Calabria.

"Se ci sono due aziende sanitarie provinciali sciolte per infiltrazioni mafiose ed una è in dissesto economico e finanziario è evidente che il sistema sanitario pubblico calabrese non può essere riaffidato alla politica".

E ancora: "Se ci sono infiltrazioni mafiose e la sanità calabrese, come citava la prima relazione della commissione parlamentare antimafia sulla sanità in Calabria è la metafora dello scambio politico mafioso, è evidente che ci sono responsabilità e che le stesse devono venire fuori. Per questo auspichiamo che la magistratura possa verificare a fondo chi e come hanno determinato gli scioglimenti e farne pagare le conseguenze. Non è pensabile che non ci siano responsabilità e nessuno ne risponda. Sarebbe un errore riaffidare alla politica la sanità calabrese. Per queste ragioni ritenevamo che andavano prorogati gli scioglimenti delle asp sciolte per infiltrazioni mafiose, così come è avvenuto, modificare il decreto Calabria e nominare una nuova struttura commissariale, sterilizzando il deficit per un periodo congruo alla messa in sicurezza del sistema, con il piano delle assunzioni necessarie ed evitare la chiusura e la paralisi totale del sistema sanitario regionale".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook