Martedì, 01 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Agricoltura in Calabria, il futuro di Arcea è appeso a un filo: Bruxelles invoca correttivi
IL DIBATTITO

Agricoltura in Calabria, il futuro di Arcea è appeso a un filo: Bruxelles invoca correttivi

di

Le istituzioni di Bruxelles e Roma guardano con molta attenzione a quanto avviene in casa di Arcea, l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura della Regione Calabria. Senza i correttivi invocati, c'è il rischio concreto che l'ente - deputato al pagamento di contributi e sussidi a favore di aziende agricole - possa chiudere i battenti in maniera definitiva. Una prospettiva infausta, ma adombrata nella risposta fornita dal commissario Ue per l'Agricoltura, Janusz Wojciechowski, a un'interrogazione della parlamentare europea Laura Ferrara (M5S). Nell'atto depositato di recente al Parlamento di Bruxelles si fa cenno alla proroga della verifica - iniziata nel marzo 2019 - necessaria per comprendere la corretta attuazione dei correttivi richiesti.

Sotto i riflettori c'è, soprattutto, la carenza di organico. L'Arsac è sottodimensionata da tempo: oltre al commissario Francesco Del Castello, in servizio figura soltanto un dirigente. Il totale della pianta organica parla di poco più di 50 dipendenti. Troppo pochi, ragionano i rappresentanti sindacali, per fare fronte alla grande richiesta di servizi. Le procedure concorsuali per il reclutamento di nuovo personale avviate nei mesi scorsi sono state in seguito revocate per una serie di incongruenze amministrative. Per una svolta ci sarebbe bisogno di una sinergia istituzionale sull'asse Ue-Governo-Regione. La priorità, almeno in questa fase, è rappresentata dall'approvazione del Bilancio. Senza un documento contabile validato da Giunta e Consiglio regionale e in assenza di nuovi investimenti - all'Agenzia vengono destinati ogni anno circa 2 milioni -, diventa complicato procedere all'approvazione di un Piano del fabbisogno del personale e, quindi, all'indizione di nuovi concorsi. In ogni caso, il tempo stringe: la Commissione Ue ha già fatto sapere che la nuova proroga per adempiere scadrà a marzo 2021.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook