Mercoledì, 23 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Calabria, M5S alla Santelli: "Tolga Nicolai a capo del dipartimento Programmazione"
LA POLEMICA

Calabria, M5S alla Santelli: "Tolga Nicolai a capo del dipartimento Programmazione"

deputati, regione, Bianca Laura Granato, Francesco Sapia, Giuseppe d'Ippolito, Maurizio Nicolai, Paolo Parentela, Calabria, Politica
Maurizio Nicolai

«La presidente della Calabria, Jole Santelli, tolga a Maurizio Nicolai la poltrona di capo del dipartimento regionale Programmazione, che nello specifico per legge non gli poteva essere assegnata». Lo affermano, in una nota, i deputati M5S Francesco Sapia, Bianca Laura Granato, Paolo Parentela e Giuseppe d’Ippolito, che aggiungono: «In caso contrario presenteremo un esposto argomentato all’Anticorruzione, poi vedremo. Intanto ci chiediamo il perché di questa scelta, che non depone bene per l’amministrazione regionale di centrodestra, visto che Nicolai è stato al vertice di Arcea sino all’ottobre del 2018 e alle Regionali dello scorso gennaio si è candidato addirittura a sostegno di Jole Santelli».

«Al di là – continuano i 5 Stelle – dell’illegittimità di questa nomina, più che evidente, nella vicenda emerge l’assoluta noncuranza della questione morale da parte dell’esecutivo regionale. A capo della struttura preposta alla pianificazione delle risorse europee e nazionali per lo sviluppo della Calabria, si è messo un recente candidato consigliere regionale. Questi, indipendentemente dalle proprie competenze, su cui non mettiamo bocca, ha nel proprio curriculum – rimarcano i pentastellati – un’esperienza elettorale e dunque rapporti fisiologici con un pezzo di elettorato. Si tratta di un fatto, di un elemento che, qui come in situazioni analoghe, può pregiudicare la terzietà amministrativa e che di per sé avrebbe dovuto indurre Santelli e i suoi a non conferire l’incarico a Nicolai».

«Purtroppo - concludono i parlamentari del Movimento 5 Stelle - la questione morale non rientra, soprattutto in Calabria, tra le priorità della vecchia politica. Inascoltati, da anni ripetiamo che in nessun caso i partiti possono essere uffici di collocamento».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook