Domenica, 05 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Tensioni nel M5S, dopo Giarrusso anche la calabrese Nesci rischia l'espulsione
I 'RIBELLI'

Tensioni nel M5S, dopo Giarrusso anche la calabrese Nesci rischia l'espulsione

m5s, Dalila Nesci, Calabria, Politica
Dalila Nesci

Probiviri M5S al lavoro per valutare le sanzioni da comminare ai 'ribelli' del Movimento, a partire dai morosi non in regola con le restituzioni. A rischio cartellino rosso sarebbe in queste ore non solo il senatore Mario Michele Giarrusso ma anche Dalila Nesci, volto storico del Movimento in Calabria, e Nicola Acunzo, l'attore 'arruolato' nel M5S attraverso i collegi uninominali.

Sotto la lente di ingrandimento dei probiviri ci sono anche gli europarlamentari Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini, Eleonora Evi e Rosa D'Amato, tornati a votare in dissenso col gruppo, spaccandolo. Loro non rischiano l'espulsione, ma probabilmente si procederà con un richiamo formale già nelle prossime ore.

Anche perché, stando sempre a fonti interne al Movimento, a poche ore dal voto che ha fotografato in Europa le divisioni dei 5 Stelle, Crimi, riferiscono alcuni beninformati, avrebbe chiamato Corrao invitandolo ad evitare spaccature. Ma l'europarlamentare siciliano, molto vicino ad Alessandro Di Battista, ha tenuto la barra dritta, votando in dissenso con Pedicini e D'Amato, come è noto, mentre Evi non ha preso parte al voto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook