Mercoledì, 21 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica "Un fondo per sostenere gli studenti calabresi", la richiesta di Azione universitaria alla Regione
ISTRUZIONE

"Un fondo per sostenere gli studenti calabresi", la richiesta di Azione universitaria alla Regione

Istituire un fondo per sostenere gli studenti calabresi fuori sede: è quanto propone Azione Universitaria Calabria e Messina. "Le famiglie degli studenti fuori sede - si legge in una nota - si trovano a dover continuare a pagare gli affitti e le relative utenze degli immobili dei propri figli che studiano lontano dalla casa di residenza nonostante la chiusura degli Atenei e l’erogazione dell’attività didattica in formato on-line, e in alcuni casi anche abbonamenti dei mezzi di trasporto pubblico pur non usufruendone".

Dall’altra parte dello Stretto, Raffaele Rigoli, membro di Azione Universitaria Messina e studente calabrese fuori sede afferma che: “Dando seguito alla proposta avanzata a livello nazionale dai nostri rappresentanti eletti in CNSU per Azione Universitaria, Alessandra Rundo, Dalila Ansalone e Claudio Barjami, che ringraziamo per aver portato avanti la comune richiesta, in collaborazione con i nostri colleghi rappresentanti delle Università calabresi chiediamo al Presidente della Regione, On. Jole Santelli, di prevedere un apposito fondo economico, sulla scia dell'importante provvedimento, a cui va il nostro ringraziamento, assunto dalla Giunta Musumeci in Sicilia, che ha previsto lo stanziamento di 7 milioni di euro per le famiglie degli studenti fuori sede. L'accoglimento della proposta da parte del Presidente Santelli, continua Rigoli, dimostrerebbe ancora una volta la capacità e la buona amministrazione delle due Regioni, governate dal centro destra”.

Alessandra Rundo, rappresentante degli studenti al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari di Azione Universitaria che dichiara: “A inizio emergenza, ci è sembrato doveroso chiedere un sussidio a tutela degli studenti fuorisede nel corso della seduta del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari di Marzo. In tante famiglie c'è almeno un figlio che studia fuori, e alleviare il peso di questa spesa è già di per sé un modo per aiutarle, in questa situazione di emergenza. Il silenzio lasciato dal governo nazionale è stato rotto dal governo siciliano Musumeci, che è già intervenuto in Sicilia. Auspichiamo che la Presidente Santelli, grazie all'istanza proposta a voce unanime da Raffaele Rigoli, dai rappresentanti in Cnsu e dai rappresentanti di Au a Reggio, Cosenza e Catanzaro si allinei a quanto fatto in Sicilia.”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook