Sabato, 04 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali Calabria, spoglio in diretta: Pd primo partito (15%), segue la Lega
IL VOTO

Regionali Calabria, spoglio in diretta: Pd primo partito (15%), segue la Lega

affluenza, candidati, forza italia, fratelli d'italia, lega, m5s, pd, regionali in calabria, Carlo Tansi, Francesco Aiello, Jole Santelli, pippo callipo, Calabria, Politica
PROEIZIONE RAI

AGGIORNAMENTO DELLE 3.22. In base alla IV proiezione (53% del campione) Consorzio Opinio Italia, in Calabria, la candidata del centrodestra Jole Santelli è in testa con il 52,9% sul candidato del centrosinistra Pippo Callipo con il 30,8%. Il candidato indipendente Carlo Tansi è al 9,6% e il candidato del Movimento 5 Stelle Francesco Aiello è al 6,7%.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.52. "Sei persone su dieci non sono andate a votare, un dato tragico di una campagna elettorale che ripropone l'emergenza sociale in termini di partecipazione attiva dei calabresi alla vita democratica della regione. Dovremmo interrogarci su questo. Attendiamo i dati definitivi". Lo dichiara Francesco Aiello, candidato M5s alla presidenza della Calabria, in collegamento con La7. "C'è un disimpegno generalizzato tra i cittadini che guardano alla politica con distacco, noi non siamo riusciti a portarli alle urne nonostante gli sforzi che abbiamo fatto con due mesi di incontri sui territori. Dall'altro canto abbiamo assistito, sia dal centrodestra sia dal centrosinistra, ad una campagna elettorale di basso profilo per quanto riguarda la comunicazioni sui contenuti dei programmi. Noi abbiamo invece parlato alla testa degli elettori e non alla pancia", aggiunge.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.41. "Un grande ringraziamento a Pippo Callipo che ha accettato una sfida difficile solo per amore della sua terra e in bocca al lupo a Jole Santelli". Lo dichiara il commissario regionale del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano commentando exit poll e prime proiezioni.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.34. "Da domani cominciamo a lavorare partendo dai dai mille problemi ma anche dalle mille opportunità che la Calabria offre. Lavoreremo tutti insieme per raccontare una regione diversa, è questo il primo obiettivo". Così Jole Santelli intervistata a Porta a porta.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.32. "Abbiamo visto le proiezioni e abbiamo visto che la signora Santelli praticamente è in testa abbondantemente, quindi sarà il nuovo presidente della Regione Calabria. Auguri e buon lavoro. noi abbiamo fatto tanto. Sono sceso in campo insieme agli amici del Pd, abbiamo lavorato molto, però i calabresi hanno scelto la coalizione di centrodestra, hanno scelto il partito dei conservatori, non hanno creduto e non hanno voluto una rivoluzione e un cambiamento che avevo promesso di fare. Siccome siamo una terra democratica noi accettiamo questa decisione e faremo la nostra opposizione". A dirlo il candidato civico sostenuto dal Pd per la presidenza della Regione Calabria Pippo Callipo, in una conferenza stampa nel suo comitato elettorale.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.08. Secondo le prime proiezioni sui voti di lista in Calabria, il Pd sarebbe il primo partito con il 15% dei voti, seguito dalla Lega all'11,9%, Forza Italia 11%, Fratelli d'Italia al 10,6; IO resto in Calabria 8,1; lista Jole Santelli al 7,4%.

AGGIORNAMENTO DELLE 01.06. "Complimenti di cuore a Jole Santelli, neo presidente della Regione Calabria. Ha conquistato una vittoria straordinaria in una terra che ha bisogno di rinascere e Fratelli d'Italia lavorerà al suo fianco per raggiungere questo obiettivo". Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

AGGIORNAMENTO DELLE 00.51. Per la Calabria "c'è un po' di rammarico perché se il fronte del centrosinistra fosse stato unito il risultato sarebbe stato migliore. Il Pd è di gran lunga il primo partito della Calabria. Grazie a chi ha combattuto". Lo dice Nicola Zingaretti, parlando fuori dal Nazareno.

AGGIORNAMENTO DELLE 00.44. "Hanno vinto tutti i candidati di Forza Italia in cui coalizione ci ha dato mandato di presentarli. Grande risultato di Jole che si appresta a vincere, una donna di Fi che ha dedicato la vita alla sua terra. Con la sua guida la Calabria diventerà emblema del riscatto del sud, non sarà più la terra dell'inefficienza e del malaffare ma terra di eccellenze. La sinistra non riesce più a parlare al suo blocco di riferimento. I dati condannano M5S all'irrilevanza". Così Silvio Berlusconi in una telefonata a Jole Santelli

AGGIORNAMENTO DELLE 00.34. Il candidato Jole Santelli, sostenuta da tutto il centrodestra è al 50,9%. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 31,3%. Carlo Tansi (lista civica) registra il 10,6%; Francesco Aiello (M5S) è al 7,2%. E' quanto stima la seconda proiezione del voto in Calabria diffusa dalla Rai.

AGGIORNAMENTO DELLE 00.18. "Parto dall'unico dato certo, che mi riempie di orgoglio, che è quello della Calabria: per la prima volta in una regione del Sud ci siamo e siamo determinanti. Sono felicissimo di essere stato più volte in Calabria, ci tornerò per mantenere gli impegni presi". Lo dice Matteo Salvini in conferenza stampa a Bologna.

AGGIORNAMENTO DELLE 00.17. L'affluenza per le elezioni regionali in Calabria, alle ore 23, è stata del 44,32%: il dato è praticamente stabile rispetto al 44,16% della precedente consultazione di riferimento. Lo rileva il Viminale. Questi i risultati definitivi dell'affluenza provincia per provincia: Catanzaro 46,78% (45,01% alle scorse regionali); Cosenza 44,10% (44,73% alle scorse regionali); Crotone 39,56% (40,85% alle scorse regionali); Reggio Calabria 45,40% (44,63% alle scorse regionali); Vibo Valentia 41,35% (41,91% alle scorse regionali).

AGGIORNAMENTO DELLE 00.09. Il candidato Jole Santelli, sostenuta da tutto il centrodestra è al 50,9%. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 30,7%. Carlo Tansi (lista civica) registra il 10,9%; Francesco Aiello (M5S) è al 7,5%. È quanto stima la prima proiezione del voto in Calabria diffusa dalla Rai.

AGGIORNAMENTO DELLE 23.43. Jole Santelli, candidata del centrodestra in Calabria, fra il 49 e il 53%, Pippo Callipo, in corsa per il centrosinistra, fra il 31 e il 35%. Forchetta compresa fra il 5 e il 9% per Francesco Aiello (M5S), arretrato rispetto al candidato sostenuto da tre liste civiche Carlo Tansi, con una forchetta fra il 7 e l'11%. Ecco i dati del secondo exit poll (100% del campione) del Consorzio Opinio Italia per Rai.

AGGIORNAMENTO DELLE 23.27. Affluenza al 41,33 per cento, alle ore 23, ora della chiusura dei seggi, per le elezioni regionali in Calabria quando sono giunti i dati di 247 Comuni su 404. Nella precedente consultazione, alla stessa ora, era stata del 42,21%.

AGGIORNAMENTO DELLE 23.15. In Calabria il distacco - secondo gli exit poll - sembra netto con un vantaggio del CENTROdestra. La forzista Jole Santelliè tra il 49-53, Pippo Callipo - candidato del centrosinistra - tra 29 e 33; Francesco Aiello (Cinquestelle) è tra il 7 e l'11. Tra il 7 e l'11 anche il quarto candidato, il civico Tansi. Qui i 5Stelle si sono presentati con una civica e la soglia di sbarramento per le coalizioni è pari all'8 per cento.

***

Chiusi i seggi comincia lo spoglio nei seggi calabresi per scegliere il presidente della Regione che prenderà il posto di Mario Oliverio.

In Calabria l'affluenza a quattro ore dalla chiusura dei seggi è stata del 35,52 per cento. Nella precedente consultazione, alla stessa ora, era stata del 34,68%. Un leggero aumento, in sostanza, di nemmeno un punto percentuale.

La sfida dovrebbe essere quella tra Jole Santelli (ex vicesindaco di Cosenza e candidata del centrodestra) e Filippo Callipo (l'imprenditore del tonno portabandiera del centrosinistra).

Nell'entourage di Santelli, deputata di Forza Italia sostenuta in primis dalla Lega e da Fratelli d'Italia, si respira grande ottimismo per l'esito del voto. Un ottimismo che Antonio Tajani, vicperesidente di Fi, esplicita con una dichiarazione su Twitter: "Appena arrivato a Lamezia Terme per seguire lo spoglio delle regionali calabresi con Jole Santelli e tanti amici di Forza Italia. Sono molto ottimista". La candidata non ha votato perché da tempo residente a Roma. Callipo, invece, ha messo la scheda nell'urna a Pizzo Calabro (Vibo Valentia).

In corsa anche Francesco Aiello il professore candidato del M5S che è andato al seggio a Montalto Uffugo (Cosenza), così come Carlo Tansi, ex numero uno della protezione civile calabrese ed esponente civico.

Il centrodestra punta forte su Jole Santelli. La deputata azzurra, fedelissima di Silvio Berlusconi, può fare affidamento su sei liste. Oltre alle formazioni tradizionali come FI, Lega, Udc e FdI, ci sono anche le civiche Santelli Presidente e Casa delle Libertà. In caso di successo, Santelli sarebbe la prima donna a rivestire l’incarico di presidente della Regione in Calabria. Un unicum che Pippo Callipo, imprenditore scelto dal Pd per guidare il centrosinistra, spera di scongiurare. L’ex presidente di Confindustria Calabria guida una coalizione composta da tre liste: oltre ai dem, ci saranno i Democratici Progressisti e la civica Io resto in Calabria, espressione del movimento guidato dallo stesso Callipo.

Il Movimento 5 Stelle, invece, è rappresentato da Francesco Aiello, economista dell’Università della Calabria. I pentastellati saranno affiancati dalla lista Calabria Civica e sperano di superare la soglia di sbarramento fissata per le coalizioni all’8 per cento così da entrare per la prima volta a Palazzo Campanella. E lo stesso obiettivo anima Carlo Tansi, geologo, che guida un’altra coalizione di ispirazione totalmente civica guidata dalla lista Tesoro Calabria - presente in tutte e tre le circoscrizioni - e completata anche dai movimenti Calabria Libera e Calabria Pulita.

Quella calabrese è stata una campagna elettorale scialba, priva di colpi di scena. Se si esclude qualche botta e risposta, i quattro candidati hanno badato più a tenere compatte le proprie truppe che a convincere gli elettori della bontà dei programmi. Gli unici “botti” sono arrivati dal presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra: in un primo momento quando ha bollato come «inaccettabile» la candidatura di Aiello - esponente del suo stesso partito - per via della parentela con un boss della ’ndrangheta ucciso nel 2014; poi quando ha diffuso l’elenco dei candidati ritenuti “impresentabili”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook