Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Giustizia, la protesta dei tirocinanti in scadenza di contratto: "A fine mese tutti a casa"
LAVORO

Giustizia, la protesta dei tirocinanti in scadenza di contratto: "A fine mese tutti a casa"

di

Cinquecento euro al mese, ma che a breve potrebbero non rappresentare più l'unica fonte di guadagno per circa mille famiglie calabresi. Hanno deciso di scendere così in piazza i tirocinanti della giustizia, ex percettori di mobilità in deroga, che dopo aver partecipato a bandi indetti dal ministero della Giustizia sono stati assunti con contratti da precari negli uffici giudiziari calabresi per dare manforte agli organici ridotti all'osso.

Il 31 gennaio giungerà a scadenza il tirocinio formativo e i precari temono di perdere il posto di lavoro anche sulla scorta dell'ultimo avviso pubblico emanato dal ministero della Giustizia lo scorso dicembre finalizzato all'assunzione di 616 operatori giudiziari in tutta Italia. In Calabria i posti disponibili sono 52: in 17 destinati al distretto di Catanzaro e da distribuire tra gli uffici di Vibo Valentia, Crotone, Cosenza, Castrovillari e Paola; 35 destinati al distretto di Reggio Calabria.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Catanzaro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook