Venerdì, 10 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali in Calabria, Aiello: "Ripartire dai borghi e dai beni comuni"
M5S

Regionali in Calabria, Aiello: "Ripartire dai borghi e dai beni comuni"

regionali calabria, Francesco Aiello, Calabria, Politica
Francesco Aiello

«Ripartire dai borghi e farlo sul serio e non come avrebbe dovuto e potuto fare in questi 5 anni Oliverio che invece si è limitato alla sola propaganda». Il candidato alla presidenza della Regione Calabria con la coalizione civica del Movimento 5 stelle, Francesco Aiello interviene sul tema dei borghi e delle aree rurali.

«Lo stato di totale abbandono e degrado della quasi totalità dei borghi calabresi è senza dubbio frutto di una politica scellerato di chi ha governato questa Regione negli anni. Finanziamenti a pioggia e nessun intervento strutturale in grado di risollevare e valorizzare l’immenso patrimonio costituito dai borghi, storicamente il baricentro socio-economico delle nostre aree rurali. Due esempi su tutti danno la misura dell’assoluta mancanza di visione e di concreta volontà di cambiare le cose da parte di chi ha governato fino ad oggi la Regione Calabria: il famoso bando da 100mila euro sulla valorizzazione dei borghi a cui è seguito un tour propagandistico, un bluff targato Oliverio che illudeva i sindaci di poter cambiare le sorti dei propri centri con poche migliaia di euro. E mentre si promettevano risorse che mai sarebbero arrivate, la Regione registrava un forte ritardo con l’attuazione delle politiche di sviluppo delle aree interne. Un importante investimento a valere sul Por 14-20 che poteva già essere in una fase attuativa e per il quale non si è nemmeno siglato alcun accordo territoriale e, di conseguenza, non sono stati pianificati gli investimenti a favore delle strategie regionali e nazionali per lo sviluppo delle aree interne. Oggi la Calabria si ritrova dunque un patrimonio enorme di terreni e fabbricati dimenticati, abbandonati, tuttavia dal grande potenziale se reinseriti sistemicamente nel circuito economico e sociale calabrese».

«Da qui ci proponiamo di partire – propone Aiello - da un capitale fisico d’impresa immediatamente disponibile per le attuali e future filiere economiche della regione. Un capitale che deve essere censito, recuperato e redistribuito a chi vuole fare impresa, a chi si vuole occupare di Beni Comuni e attraverso un Regolamento Regionale dei Beni Comuni sarà facilitato l’accesso al capitale fisico da parte di soggetti imprenditoriali, prevedendo misure di microcredito e vantaggi fiscali. E’ possibile ridisegnare lo sviluppo della Calabria partendo da un nuovo approccio al problema-risorsa dei borghi e noi sappiamo come fare», conclude Aiello.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook