Mercoledì, 21 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Liste pulite in Calabria, Greco: "Veto nei miei confronti? Ridicolo e vergognoso"
VERSO IL VOTO

Liste pulite in Calabria, Greco: "Veto nei miei confronti? Ridicolo e vergognoso"

regionali in calabria, Orlandino Greco, pippo callipo, Calabria, Politica
Orlandino Greco

«Siamo alla resa dei conti e questi conti mi vedono come l'unico politico calabrese a non meritare la candidatura perché macchiato di terribili colpe. L'unico». Esordisce così sulla sua pagina Facebook il consigliere regionale Orlandino Greco, sul cui nome nelle ultime ore si è registrato il veto del candidato alla presidenza della Regione Pippo Callipo. L'imprenditore vibonese chiede liste pulite e minaccia di far saltare il tavolo della trattativa.

«E quali sarebbero queste colpe? - continua Greco - Io che non sono neanche stato rinviato a giudizio, perché dovrei pagare? C'è un giudice che deve ancora esprimersi sulla richiesta di rinvio e che potrebbe anche pronunciarsi rigettandola così come è stata rigettata la richiesta di misura cautelare più volte da parte del Gip, del Tribunale del Riesame e anche dalla Cassazione che ha dichiarato inammissibile l'azione della Procura».

Nei confronti di Greco, la Procura di Catanzaro ha di recente chiesto il rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione elettorale e voto di scambio. Accuse che l'esponente della lista "Oliverio Presidente" contesta: «Sono amareggiato - dice - perché chi mi conosce sa quanto la politica dia senso alla mia vita, quanto ami la mia terra e come, da sindaco, abbia amministrato con trasparenza e integrità denunciando quelli che oggi mi accusano. Ridicolo. Ridicolo è il trattamento che mi è stato riservato. Ridicolo e vergognoso. Ma dov'è lo Stato di Diritto?».

A suo dire, dietro la mancata candidatura ci sarebbe il fatto che viene considerato «scomodo». «Così come è scomodo il movimento che mi onoro di rappresentare - conclude -. Siamo una forza inarrestabile che cresce sempre di più e mette radici in ogni territorio. Amici, hanno paura di noi e se questo da un lato mi gratifica dall'altro mi impone delle responsabilità. E oggi mi sento responsabile. Ma non finisce qui. Sono più carico che mai e quanto accaduto, insieme al sostegno di tutti, mi motiva ad andare avanti perché la Calabria, quella bella, è ancora possibile».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook