Lunedì, 06 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sanità, Regione Calabria all'attacco dei commissari: "Le 429 assunzioni non sono nuove"
GIUNTA

Sanità, Regione Calabria all'attacco dei commissari: "Le 429 assunzioni non sono nuove"

«Le 429 ultime assunzioni non sono affatto 'nuove'. Sono una frazione di quelle, già insufficienti, autorizzate da precedenti 'Dca' adottati da altra gestione commissariale». Lo sostiene la giunta regionale in una nota diramata dall'ufficio stampa dell'esecutivo.

«Il 'Dca' 135 con cui si autorizzano 429 posti nella sanità calabrese - si aggiunge - non sono 'nuove assunzioni', per come risulta chiaramente dalle tabelle allegate al decreto ma una tardiva e parziale presa d'atto di quelle a suo tempo validate dal Tavolo di verifica: un residuo del tutto insufficiente rispetto alla drammatica situazione degli organici dei servizi sanitari calabresi. In realtà le cosiddette nuove assunzioni sono soltanto un parziale rimedio formale al blocco che lo stesso commissario Cotticelli aveva sancito a luglio di quest'anno, fermando tutte le procedure già avviate. Quindi il 'Dca 135' è una parziale riproposizione di vecchi provvedimenti che non puo' certo essere usato per fuorviare i ministeri vigilanti e per gabbare la Calabria ed i calabresi».

«Le assunzioni già a suo tempo autorizzate, peraltro insufficienti - sostiene ancora la Giunta regionale - sono state fermate con la poco plausibile motivazione che tavoli romani si sono accorti di non averle 'validate' solo negli ultimi mesi. Peraltro, il personale assunto con i Dca di non validati, 763 unità, sono state compensate dalle uscite fino al primo semestre del 2019, che risultano essere ben 1.151. In realtà, poiché non esistono criteri univoci per valutare i fabbisogni di personale, ma certamente è inaccettabile che la crisi gravissima della produzione di prestazioni causata dal blocco del turn over venga oggi assunta come parametro per limitare ancora le assunzioni necessarie e non più procrastinabili. Ci si sarebbe aspettati una ricognizione del fabbisogno di personale che partisse dei bisogni di salute dei calabresi, invece è arrivata la beffa. Altro che decreto "salva Calabria"».

«Ancora più inaccettabile - conclude la nota dell'esecutivo - è la previsione del decreto commissariale che con le assunzioni a tempo indeterminato ci dovrà essere una 'corrispondente riduzione delle prestazioni aggiuntive nonché contestuale risoluzione dei contratti di lavoro flessibile del personale di pari profilo professionale/posizione funzionale assunto sui relativi posti vacanti oggetto della presente autorizzazione'. Una precisazione che vuole contrapporsi inopinatamente agli sforzi politico-istituzionali in corso per ridare certezze e continuita' all'erogazione dei servizi ed al personale precario».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook