Venerdì, 23 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
COMMISSIONE EUROPEA

Fondi Ue in Calabria, «progetti non funzionanti»: Bruxelles vuole chiarimenti sulla spesa di 200 milioni

di

La gestione dei fondi Por in Calabria finisce di nuovo nel mirino della Commissione europea. Ad agitare i piani alti della Cittadella adesso è una lettera giunta solo pochi giorni fa da Bruxelles, firmata dal capo unità della direzione generale della politica regionale urbana, Nicolas Gibert-Morin.

Il senso della comunicazione - riporta la Gazzetta del Sud in edicola - è sintetizzato nelle prime righe della missiva: «La dichiarazione di chiusura non può essere accettata». Il riferimento è ai fondi Fesr del Por 2007-2013 su cui la Commissione esige chiarimenti.

La Commissione è a conoscenza di 23 progetti non funzionanti e oggetto di inchieste nazionali in corso, il cui importo totale è di 68.137.865 euro.

Nel mirino della commissione finisce anche l'Autorità di audit, struttura guidata da Roberta Porcelli. Bruxelles vuole sapere se per i controlli svolti sulle trenta operazioni, il cui valore complessivo risulta di 99.331.206,08 euro, «sono state eseguite anche procedure di verifica in loco», così come previsto dal regolamento.

I conti sembrano non tornare anche nei valori relativi alle dichiarazioni su revoche e recuperi, l'Autorità di audit aveva infatti calcolato poco meno di 60milioni di euro, ma per la Commissione invece la cifra esatta è 44 milioni di euro. Ma la lettera arriva a ipotizzare la presenza di un vero e proprio errore di sistema nella gestione e nel controllo della spesa dei fondi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook