Lunedì, 26 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
L'ANALISI DEL VOTO

Europee, la Calabria conquista due posti a Bruxelles

di

La Calabria uscita dal voto alle Politiche 2018 è già un lontano ricordo, sepolta dalla virata a destra più poderosa che si ricordi. E se il Movimento 5 Stelle, nel suo complesso, regge a queste latitudini conquistando quasi dieci punti percentuali in più al dato nazionale (26,69% contro 17,1%, consentendo la rielezione di Laura Ferrara), sono l'avanzata di Lega e, in misura minore, di Fratelli d'Italia a rappresentare il vero elemento di novità.

Due performance destinate a mutare gli equilibri non solo nel Paese ma anche in questa regione dove fra pochi mesi si torna alle urne per eleggere il nuovo governatore.

Il partito di Salvini - analizza la Gazzetta del Sud in edicola - arriva al 22,61% con un balzo di 17 punti rispetto alle politiche dello scorso anno, mentre alle precedenti Europee era praticamente inesistente (0,74%). Balzo in avanti anche del partito di Giorgia Meloni: FdI ottiene il 10,26% a fronte del 4,56% di un anno fa e del 3,62% del 2014.

Il Pd resta terza forza con il 18,25% in ripresa sulle Politiche (14,34%) ma lontano da 35,80% delle Europee 2014. In calo Forza Italia, che alle Politiche 2018 aveva ottenuto il 20,12%, e oggi si attesta al 13,32% (alle Europee 2014 prese il 19,61%). Restano fuori tutte le altre forze, con la Sinistra che si ferma al 2,14%, un dato comunque più alto rispetto a quello raggiunto in altre regioni.

Quanto alle preferenze, il più votato dal Pollino allo Stretto è Matteo Salvini. È un vero e proprio boom pure quello ottenuto da Laura Ferrara, esponente del Movimento 5 Stelle. Meglio di lei riesce a fare soltanto la capolista Maria Chiara Gemma con 84.645 voti.

In casa del Carroccio la palma del più votato va a Vincenzo Sofo, che guadagna l’ingresso nel Parlamento europeo.

Risultati a sorpresa nel Pd dove il capolista Franco Roberti arriva solo settimo. Il più votato in Calabria per il Pd è l'attuale presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci con 22.360 preferenze (23.557 quelle totali).

In Fratelli d'Italia a sorprendere è soprattutto la performance ottenuta da Denis Nesci, reggino trapiantato a Roma, capace di conquistare persino più voti della Meloni (26.237 contro 24.199 della leader) sotto la spinta degli ex alfaniani Tonino Gentile e Piero Aiello.

In Forza Italia, dietro Berlusconi, il più votato dai calabresi è il consigliere regionale Giuseppe Pedà (19.620 preferenze). Subito dietro la cosentina Fulvia Caligiuri (18.822 voti).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook