Martedì, 15 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Calabria, la “bomba” tirocinanti agita la politica
LAVORO

Calabria, la “bomba” tirocinanti agita la politica

di
Rapporti di lavoro (quasi) scaduti per gli oltre 6.500 precari con uno stipendio mensile pari a 500 euro

Padri, madri, giovani laureati, perfino... nonni. Il variegato esercito dei tirocinanti calabresi è lo specchio della difficile realtà lavorativa calabrese. Promesse tradite, progetti di stabilizzazione prima annunciati e poi svaniti nel nulla. Un dato è certo: partiti e candidati alle prossime elezioni regionali dovranno fare i conti con una vera e propria “bomba” sociale a rischio esplosione. C’è un elefante nella stanza e sarebbe il caso che qualcuno ne prendesse atto. Ad oggi i tirocinanti risultano essere 6.520: di questi, 4.710 sono impiegati negli enti pubblici, 843 dipendenti del ministero della Giustizia, 567 dell’area Mibact (impiegati in musei, parchi archeologici) e 400 impiegati nelle scuole come assistenti di base. Lo stipendio? Cinquecento euro mensili. E settembre, il mese della deadline per molti di loro si avvicina, e lo spettro della disoccupazione diventa sempre più ingombrante.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook