Giovedì, 22 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Stremati da un anno di chiusure, ristoratori e commercianti provano a scuotere la Calabria
ZONA ROSSA

Stremati da un anno di chiusure, ristoratori e commercianti provano a scuotere la Calabria

di
Proteste a Vibo, Lamezia, Crotone e Reggio Calabria. Le associazioni di categoria chiedono di riaprire

Da Vibo a Crotone, passando per Lamezia e finendo a Reggio Calabria. I focolai della protesta ormai si allargano a macchia d’olio. A Vibo è andata in “scena” la disperata reazione di ristoratori e commercianti. Si sono dati appuntamento davanti alla Prefettura per rivendicare la possibilità di riaprire i loro locali e chiedere al governo il risarcimento dei danni subiti. Stremata da oltre un anno di chiusure e mancati ristori, oberata di tasse e muti, la categoria è ormai in ginocchio. Ancora più drammatica la situazione delle aziende a condizione familiare.

Il gruppo “Zona bianca” – così è stato battezzato sui social – rappresentato dagli avvocati Pasquale Matera e Sidney Arena, ha rimarcato l’inadeguatezza di tutte le misure messe in campo dal governo per arginare la crisi causata dalla pandemia. A Lamezia Terme, invece, oltre ai commercianti hanno alzato la voce i parrucchieri che per contestare le restrizioni ed i divieti imposti dalla zona rossa hanno organizzato una manifestazione davanti al palazzo di giustizia. Piuttosto singolare la forma di protesta di alcuni commercianti del settore abbigliamento a Crotone i quali hanno acceso le luci dei loro negozi, rimasti comunque chiusi al pubblico.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook